Google sta pagando gli editori per produrre una valanga di articoli con l’IA

Il mese scorso Google avrebbe lanciato un programma privato per una manciata di editori indipendenti, fornendo alle redazioni l’accesso alla versione beta di una piattaforma di intelligenza artificiale generativa inedita in cambio di analisi e feedback, secondo i documenti visionati da AdWeek e come riportato anche da Gizmodo.

LA SETTIMANA GRAFICA
ISCRIVITI ORA!

Come parte dell’accordo, gli editori dovrebbero utilizzare la suite di strumenti per produrre un volume fisso di contenuti per 12 mesi. In cambio, le testate giornalistiche riceveranno un compenso mensile che ammonta a una somma a cinque cifre all’anno, oltre ai mezzi per produrre contenuti rilevanti per i loro lettori a costo zero.

“In collaborazione con gli editori di notizie, in particolare quelli più piccoli, stiamo esplorando le prime fasi di idee per fornire potenzialmente strumenti abilitati all’intelligenza artificiale per aiutare i giornalisti nel loro lavoro”. “Le speculazioni sul fatto che questo strumento venga utilizzato per ripubblicare il lavoro di altre testate non sono accurate”, ha dichiarato un rappresentante di Google in un comunicato. “Lo strumento sperimentale è stato progettato in modo responsabile per aiutare i piccoli editori locali a produrre giornalismo di alta qualità utilizzando contenuti fattuali provenienti da fonti di dati pubbliche, come l’ufficio informazioni pubbliche di un governo locale o l’autorità sanitaria. Questi strumenti non intendono e non possono sostituire il ruolo essenziale che i giornalisti hanno nel riportare, creare e verificare i fatti nei loro articoli”.

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO

Tra gli altri esperimenti di intelligenza artificiale che Google ha rilasciato negli ultimi due anni c’è il nome in codice Genesis, che secondo il New York Times è in grado di produrre interi articoli di notizie ed è stato mostrato privatamente a diversi editori la scorsa estate. Altri, come Search Generative Experience e Gemini, sono disponibili per l’uso pubblico e minacciano di sconvolgere molte delle basi commerciali dell’editoria digitale.

Il programma fa parte della Google News Initiative, lanciata nel 2018 per fornire agli editori tecnologia e formazione. Sebbene molti dei suoi programmi vadano indiscutibilmente a beneficio degli editori coinvolti, l’accoglienza più ampia della GNI è stata contrastante.

Google ha usato la GNI per raccogliere stampa positiva e buona volontà del settore in momenti di difficoltà reputazionale, e molti dei problemi commerciali che mira a risolvere per gli editori sono stati creati proprio da Google, ha dichiarato Jason Kint, CEO di Digital Content Next.

“Il punto più importante è che Google è coinvolto in attività legislative e nell’applicazione delle norme antitrust a livello globale per togliere entrate dal mondo dell’editoria”, ha affermato Kint. “Invece di rinunciare a una parte di questi ricavi, sta attaccando il lato dei costi per i suoi membri long-tail con il minor potere contrattuale”.

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO

Google ha condiviso per la prima volta l’invito agli editori a candidarsi per testare le tecnologie emergenti in un’edizione di ottobre della newsletter Local Independent Online News. Il GNI ha iniziato a coinvolgere gli editori a gennaio e il programma, della durata di un anno, ha preso il via a febbraio.

Google, e il resto di Internet, si sta lentamente riempiendo di spazzatura generata dall’intelligenza artificiale. Una ricerca ha scoperto che una quantità “scioccante” del web odierno pari al 57,1% è già spazzatura tradotta dall’intelligenza artificiale.

È un effetto collaterale dell’iniezione di IA in ogni cosa, e Google a quanto pare vuole modificare il modo in cui vengono gestite le notizie – secondo Adweek che ha reso pubblico questo nuovo progetto, agli editori aderenti è chiesto di utilizzare la piattaforma di intelligenza artificiale generativa per produrre e pubblicare tre articoli al giorno, una newsletter a settimana e una campagna di marketing al mese.

La piattaforma di Google funziona aggregando in un cruscotto i contenuti di un elenco di siti web selezionati dall’uomo. Con un semplice clic, un redattore umano può utilizzare lo strumento Gen AI per creare articoli di notizie a partire da qualsiasi nuovo post sulla dashboard. Poi il redattore umano modifica gli articoli per renderli più chiari prima di pubblicarli.

In sostanza, Google sta mostrando ai dirigenti dei media come l’intelligenza artificiale potrebbe sostituire i giornalisti e li sta pagando per utilizzare la sua demo in grado di farlo.

Google ha fatto del suo meglio per rendere questo strumento un’opzione non scontata per le aziende del settore dei media in difficoltà, ovvero la maggior parte di esse. Secondo quanto riferito, l’uso di questo strumento non richiede agli editori di etichettare questi articoli come generati dall’IA. Google osserva che lo strumento non viene utilizzato per ripubblicare il lavoro di altre testate – le rielabora è basta (ndr.)

Related Posts