Editoria italiana: prosegue il periodo nero