YouTube si è fatta un font tutto suo: YouTube Sans

Youtube Sans

Poco più di due settimane fa, YouTube ha subìto un restyling inaspettato: non nell’interfaccia, ma nella tipografia. Abbandonato il buon vecchio Roboto di Google, YouTube si è affidata a Saffron Brand Consulting (multinazionale del design, con sedi in mezzo mondo) per creare il suo primo custom typeface: YouTube Sans.

Ho trovato interessante analizzare il processo di realizzazione, così come raccontato da Saffron.

Quando si realizza un custom typeface, è necessario aver chiari i propri obiettivi, sia dal punto di vista dell’usabilità (è leggibile? è disponibile in più stili per poter stabilire una gerarchia sulla pagina? è visibile a piccoli corpi? è adatto sia a lettura orizzontale che verticale, sia su grandi monitor che su piccoli display?) che da quello più squisitamente legato al brand (è riconoscibile? è personale? è sufficientemente diverso dagli altri font? racconta YouTube?).

Il caso di YouTube Sans, da questo punto di vista, è particolarmente affascinante.

Il processo di realizzazione


Youtube Sans

Matt Atchinson, direttore del progetto, ha dichiarato: “Non volevamo essere troppo generici. Non volevamo che le persone vedessero YouTube Sans e dicessero ‘ah, ok, è lì e basta’. Volevamo qualcosa che entrasse nelle coscienze, bit dopo bit, che le persone potessero vedere il carattere e dire ‘È YouTube che mi parla’!”.

Con i vincoli imposti da Google in termini di leggibilità e di rapporto con il fondo bianco (l’esatto opposto di Netflix, che invece vive su fondo nero) — e dovendo personalizzare un carattere per renderlo riconoscibile e sufficientemente diverso dal prezzemolino Roboto (talmente neutrale e generico nelle sue intenzioni di design, da essere adatto sostanzialmente per ogni cosa) — i type designer in Saffron hanno iniziato a lavorare sull’iconico simbolo play di YouTube, quello che Atchinson ha definito “una pastiglia con un triangolo dentro”.

Il contrasto tra gli angoli arrotondati dell’icona e quelli appuntiti del triangolo hanno ispirato le due principali personalizzazioni del carattere: aste curve e pance particolarmente evidenti, e terminali tagliati con un’inclinazione simile a quella del tasto play.

Continua a leggere su OniceDesign.it

Salva