WINA 2020, il festival della pubblicità reinventa sé stesso

Il WINA Festival (World Indipendent Advertising Award) si è caratterizzato per la rottura del tradizionale sistema dei festival pubblicitari, con tre evidenti differenze: la prima è che possono partecipare solo agenzie di pubblicità e comunicazione indipendenti, secondo tutti i partecipanti possono registrare gratuitamente i loro casi ed infine le quote di partecipazione sono pagate solo per le case vincenti.

 

Ebbene, ora la proposta dirompente del Festival è quella di reinventare il sistema di giudizio, dando ai giurati la categoria che valuteranno solo a partire dal giorno della valutazione, cercando così di evitare che i professionisti, che oltre ad essere giurati sono anche partecipanti, debbano giudicare le categorie a cui si sono candidati, in modo da evitare ogni sospetto.

Un’altra novità per il 2020, è l’inserimento di una lista di giurati per il primo turno, che si occuperà di filtrare i casi che non rispettano uno standard minimo di qualità, che saranno poi giudicati dal team di giurati che successivamente consegnerà la shortlist ufficiale.

Tra i partecipanti alla conferenza, confermato, c’è Miguel Olivares, fondatore di La Despensa, che è stata riconosciuta come l’agenzia indipendente numero 1 nell’edizione dello scorso anno del WINA Festival, grazie alla campagna globale “Dogpper” ideata per Burger King, che ha avuto più di 600 milioni di visualizzazioni, rendendola una delle campagne più efficaci al mondo nel 2019. Juan José Posada, il CCO di Geometry Latam, e Luis Marqués (fondatore associato di M&A Creative – Portogallo) sono alcuni degli altri rinomati leader del settore che presenteranno a WINA 2020.

L’edizione WINA 2019, è stata celebrata al Grand Hyatt Bogotá, dove sono state assegnate un totale di 284 medaglie alle reti e alle agenzie di comunicazione indipendenti dei 5 continenti, con la partecipazione di 29 paesi che hanno avuto accesso al live stream online dell’evento su Youtube.

WINA sarà in Messico

Per l’edizione 2020 l’impressionante Show Center riceverà delegazioni provenienti da circa 20 paesi a Monterrey, la capitale dello Stato di Nuevo León, meglio conosciuta come “La Ciudad de las Montañas”, o “La Città delle Montagne”, in Messico. Questa città è considerata uno dei principali poli industriali dell’America Latina e si distingue per i suoi imponenti edifici e i nuovi spazi commerciali e ricreativi, dove si trovano una grande varietà di siti gastronomici con i migliori chef del Messico; la gastronomia messicana è considerata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Che aspettate? Avete tempo fino al 28 aprile per candidare i vostri lavori.

La Settimana Grafica

Iscriviti alla Settimana Grafica

Rimani aggiornato su tutto quello che accade nelle Arti Grafiche e nella comunicazione, iscriviti ora alla nostra newsletter settimanale.


ai sensi dell'art. 13 Reg. UE 2016/679 e acconsento al trattamento dei dati personali

Rispondi