Un successo i Production Days di Zund

Riunirsi, sperimentare e conoscere: il primo capitolo dell’ambiziosa operazione di knowledge transfer e ottimizzazione della produzione mette a segno un successo di presenze, feedback entusiastici e tanta voglia di progettare e crescere insieme.
Riduzione degli errori, degli scarti, dei consumi e dei costi di produzione. Questi i concetti strategici condivisi durante la prima edizione dei Production Days Zund, tenutisi l’8 e il 9 novembre scorsi presso lo ZundLAB di Lodi. Un evento “open source” per trasmettere ai professionisti della stampa e della cartotecnica consigli pratici su come produrre in modo più efficiente. I Production Days sono stati ideati con l’obiettivo di dimostrare che l’ottimizzazione e il risparmio, parallelamente all’utilizzo di tecnologia all’avanguardia, rappresentano una straordinaria occasione di aumento dei profitti e della competitività. Ed è questo il messaggio che più ha convinto decine di imprenditori e responsabili di produzione, oltre ai giornalisti e agli opinion-maker di settore, a prendere parte all’evento.

Ad accogliere i numerosi intervenuti, l’affiatata squadra di tecnici, creativi, product specialist e commerciali di casa ZundLAB e dei suoi partner. Una coesione frutto anche del lavoro di preparazione dell’evento, che ha messo alla prova le capacità progettuali e organizzative di tutti gli attori coinvolti. Un team multidisciplinare e coeso emblema dello spirito che ha animato i Production Days volti a riprodurre le dinamiche di un’azienda a ciclo completo, con tanto di reparti di prestampa, stampa e finishing connessi in rete, studio grafico, magazzino, tecnici e responsabili del marketing e della produzione.

“Dare vita a questo evento in tempi così brevi non è stato facile e ha richiesto un grande sforzo di pensiero creativo, progettuale e logistico” – affermano Gianluca Bondioli e Matteo Redaelli di Zund, padroni di casa presso lo ZundLAB – “Tuttavia abbiamo creduto fin da subito nella validità del format e dei contenuti. L’energia e la professionalità espressa da tutti i partner ha poi trasformato questa potenzialità in un successo”.

A conferire vita, contenuti e concretezza al progetto hanno pensato un gruppo di aziende leader nei propri settori di riferimento. Anzitutto Zund, padrona di casa presso il proprio prestigioso show room, che ha messo in campo le due serie di plotter da taglio multifunzione S3 e G3, unitamente ai software Zund Cut Center e PrepareIT per la gestione del taglio e Impact per la progettazione cartotecnica. Neolt Factory ha invece dimostrato la flessibilità e lo straordinario rapporto qualità/prezzo della stampante UV ibrida AsterJET per la stampa su materiali rigidi, tra cui gli ammiratissimi supporti della gamma FalconBoard di Hexacomb, forniti da ForSign. La produzione roll-to-roll è stata invece gestita da INX Digital con i propri inchiostri eco-solvent Triangle EDX per Roland. L’intero processo è stato pilotato e controllato su rete cablata e wireless dall’innovativo sistema di workflow management Thrive di Onyx, che include innumerevoli funzionalità e un’interessante interfaccia di controllo su iPad. Il tutto con la regia dei consulenti di 2be Partners.

“Aver ricostruito e messo a disposizione dei visitatori un flusso completo e funzionante dalla prestampa al finishing, integrato con le migliori soluzioni software e presidiato da una squadra di professionisti nelle diverse aree di competenza, ci ha consentito di enfatizzare ulteriormente la straordinaria flessibilità, potenza e opportunità di integrazione delle piattaforme Zund G3 ed S3” – hanno concluso Bondioli e Redaelli – “A riprova del valore di questa proposta abbiamo registrato la presenza di numerose aziende grafiche e cartotecniche di prestigio, ma soprattutto abbiamo stimato un tempo di permanenza media del visitatore di 3-4 ore. Qualcosa di assolutamente impensabile durante una normale open house”.

_fonte_ Comunicato Stampa

Rispondi