Un concorso per la grafica umoristica, Umoristi a Marostica

grafica umoristica

GENTILEZZA è il tema della 49ª edizione di “Umoristi a Marostica“, concorso internazionale di grafica umoristica che raccoglie nella vicentina città degli scacchi cartoonist, illustratori e grafici da tutto il mondo.

Promosso dal Gruppo Grafico Marosticense, il concorso fin dalla sua fondazione mira a lanciare un messaggio critico sull’esistenza utilizzando il linguaggio internazionale della grafica, integrata all’umorismo che al sorriso aggiunge anche la riflessione, superando barriere politiche, linguistiche e culturali. Qualità delle opere e della giuria, libertà delle scelte tematiche e indipendenza da strategie commerciali, ne fanno uno dei concorsi più apprezzati della scena internazionale.

Come suggerito dagli organizzatori, il tema proposto per questa edizione apre a tematiche urgenti ed attuali. Nella realtà di tutti i giorni ormai la gentilezza si è spenta, lasciando spazio ad un linguaggio arrogante ed aggressivo, impregnato di insulti e di offese. Basti pensare al Web, ai talk show televisivi, a Facebook la cui esistenza sembra sia finalizzata unicamente per sfogare, protetti dall’anonimato, l’istinto della rabbia e del risentimento contro qualcuno, a volte contro tutti.

La gentilezza, solo qualche anno fa, era la base della buona educazione, un sentimento che univa la comunità e la teneva insieme. Nella nostra epoca la gentilezza invece spesso è scambiata per ambiguità oppure per opportunismo e viene interpretata come un segnale di debolezza e di fragilità emotiva.

Nel migliore dei casi è intesa come buona educazione, ma questa è un’interpretazione troppo riduttiva. La gentilezza ha un ruolo molto più importante, è un ingrediente essenziale per tenere insieme le persone, a qualsiasi livello, per non sprecare il patrimonio di rapporti umani che possediamo, per vivere meglio con se stessi e con gli altri. Come ha affermato diversi anni fa, in tempi non sospetti, Wolfgang Goethe la gentilezza è una “catena che tiene uniti gli uomini”.

In questo senso quindi la gentilezza non è debolezza, è una forza, come scrive il famoso filosofo e psicologo Piero Ferrucci, in un famoso libro intitolato La forza della gentilezza.

Dovrebbe essere autentica attenzione all’altro, il primo passo di una conoscenza tra persone, la compagna di tutti i rapporti anche quelli più lunghi perché si basa sul rispetto, e fa sentire l’altro a suo agio e nello stesso tempo fa bene al cuore, e sembra anche alla salute, sia di chi la riceve sia di chi la fa. D’altra parte Marco Aurelio, filosofo e imperatore romano la definiva “la gioia dell’umanità”.

Diventa, quindi, una necessità, non un lusso, un pilastro fondante delle relazioni umane e sociali, nella qualità della nostra vita. L’ethos della gentilezza è, infine, una questione “globale” che si presta all’interpretazione di autori di tutto il mondo.

Ancora una volta il concorso di grafica umoristica privilegia temi che suscitino riflessione, sempre con un sorriso e con modalità incisive ed interpretative che solo un’immagine senza parole può rendere.

Il concorso di grafica umoristica

Il concorso “Umoristi a Marostica” è aperto a cartoonist, illustratori e grafici di ogni nazionalità. Iscrizioni e invio opere entro il 31 marzo 2020. Le opere, cartoons o strips, dovranno essere tassativamente prive di dialoghi o battute.

Premiazioni 16 maggio 2020, esposizione delle opere al Castello Inferiore di Marostica dal 16 maggio al 14 giugno 2020. Premi assegnati: Gran premio internazionale Scacchiera”; Premio speciale “Sandro Carlesso”; Premio speciale “Marco Sartore” e dieci premi “Umoristi a Marostica”.

“Umoristi a Marostica” è organizzato dal Gruppo Grafico Marosticense in collaborazione con il Comune di Marostica e con il supporto di Fondazione Banca Popolare di Marostica Volksbank.

La Settimana Grafica

Iscriviti alla Settimana Grafica

Rimani aggiornato su tutto quello che accade nelle Arti Grafiche e nella comunicazione, iscriviti ora alla nostra newsletter settimanale.


ai sensi dell'art. 13 Reg. UE 2016/679 e acconsento al trattamento dei dati personali

Rispondi