TVN è stata dichiarata fallita

Lo scorso 17 gennaio TVN srl, editore di Pubblicità Italia, Today Pubblicità Italia, Advertiser e MyMarketing, è stata dichiarata fallita. Dopo qualche tentativo di realizzare un affitto, il curatore fallimentare ha comunicato nei giorni scorsi al fiduciario che a breve i giornalisti riceveranno le raccomandate di licenziamento e le testate andranno all’asta.

Questo il comunicato sindacale dei giornalisti di TVN srl:

TVN srl (con amministratore unico Guerino Moffa) aveva acquistato da Reed Business Information le testate Pubblicità Italia, Today Pubblicità Italia e Advertiser nove anni fa (MyMarketing era invece nata al suo interno alcuni anni prima).

Nei nove anni trascorsi, l’azienda non è mai stata in grado di presentarci un piano industriale, nonostante le numerose richieste. Così come numerose sono state le richieste di regolarizzazione dei giornalisti co.co.co, che svolgevano a tutti gli effetti lavoro subordinato.

Richieste che nel dicembre 2014 hanno portato, grazie all’intervento della Fnsi e dell’Alg, rappresentate rispettivamente da Guido Besana e Beppe Ceccato, alla stipula di un accordo che prevedeva l’assunzione di 3 co.co.co. a fronte dell’apertura della solidarietà per gli altri giornalisti assunti (all’epoca sei).

Tutto ciò non si è mai potuto realizzare, perché l’azienda aveva registrato in maniera scorretta le testate, non pagando il contributo che ci avrebbe dato accesso alla solidarietà (e oggi alla cassa integrazione).

Più volte è stata chiesta anche questa correzione, ricevendone sempre come risposta “provvederemo…”. Più volte è stata chiesta anche la regolarizzazione del pagamento dei contributi, ottenendone in cambio sempre promesse, ma a oggi per i lavoratori parasubordinati permangono buchi nella storia contributiva (sebbene dalle buste paga le cifre venissero regolarmente trattenute).

Nonostante tutto (e nonostante anche i ritardi nei pagamenti degli stipendi), le redazioni, a oggi composte da 4 giornalisti assunti e 4 cococo, hanno sempre lavorato con dedizione e puntualità, assicurando l’uscita di prodotti interessanti per il mercato di riferimento, tanto che, come sempre dichiarato dal direttore commerciale, la raccolta pubblicitaria si è mantenuta sostanzialmente in pareggio, salvo qualche variazione negli anni più intensi della crisi.

Si insinua in noi il sospetto che grazie al fallimento l’editore potrà liberarsi del fardello dei ‘giornalisti costosi’ (come ci ha sempre definiti) e ripartire con una nuova avventura editoriale con manodopera a basso costo.

Ci auguriamo che il mercato sia pronto a non avallare questo atto e a non favorire mosse spregiudicate che inquinano il mondo della comunicazione e dell’editoria.

Ci auguriamo inoltre che il sindacato vigili su eventuali riaperture fittizie e tuteli i lavoratori che, inconsapevolmente, dovessero finire in questa rete di false promesse.

I giornalisti di TVN srl

La Settimana Grafica

Iscriviti alla Settimana Grafica

Rimani aggiornato su tutto quello che accade nelle Arti Grafiche e nella comunicazione, iscriviti ora alla nostra newsletter settimanale.


ai sensi dell'art. 13 Reg. UE 2016/679 e acconsento al trattamento dei dati personali