Tre strisce parallele non sono un marchio Adidas

Leggendo i giornali delle ultime 24 ore pare che Adidas abbia perso in tribunale una causa in cui il suo marchio risulterebbe nullo, ma diciamo che non è proprio così, spieghiamolo bene.

Nel 2014 l’ufficio proprietà intellettuale dell’Unione Europea (EUIPO) registrò un marchio presentato da Adidas consistente in “tre strisce parallele equidistanti di uguale larghezza, applicate sul prodotto in qualsiasi direzione”. Nel 2016, in risposta ad una domanda di dichiarazione di nullità introdotta dall’impresa belga Shoe Branding Europe BVBA, l’EUIPO ha annullato la registrazione di tale marchio sulla base del rilievo che lo stesso era privo di qualsiasi carattere distintivo, sia intrinseco sia acquisito in seguito all’uso. Secondo l’EUIPO, il marchio non avrebbe dovuto essere registrato. In particolare, l’Adidas non avrebbe dimostrato che lo stesso aveva acquisito, in tutta l’Unione europea, un carattere distintivo in seguito all’uso.

Di ieri, 19 giugno la sentenza definitiva in cui il Tribunale dell’UE conferma la decisione di annullamento, respingendo il ricorso introdotto dall’Adidas contro la decisione dell’EUIPO. Il Tribunale rileva, anzitutto, che il marchio in causa non costituisce un marchio a motivi, che consisterebbe in una serie di elementi che si ripetono regolarmente, ma un marchio figurativo ordinario. Il Tribunale statuisce, in seguito, che le forme di uso che si allontanano dalle caratteristiche essenziali del marchio, come il suo schema di colori (strisce nere su fondo bianco), non possono essere prese in considerazione. Pertanto, correttamente, l’EUIPO ha escluso numerosi elementi di prova prodotti dall’Adidas sulla base del fatto che riguardavano altri segni, come, in particolare, i segni per i quali lo schema dei colori era invertito (strisce bianche su fondo nero).

Infine, il Tribunale constata che l’EUIPO non ha commesso alcun errore di valutazione nel ritenere che l’Adidas non avesse dimostrato che il marchio controverso era stato utilizzato in tutto il territorio dell’Unione e che aveva acquisito, in tutto il territorio dell’Unione, un carattere distintivo in seguito all’uso che ne era stato fatto. Infatti, tra gli elementi di prova prodotti dall’Adidas, i soli ad essere, in una certa misura, pertinenti riguardavano solo cinque Stati membri e non potevano, nel caso di specie, essere estesi a tutto il territorio dell’Unione.

Tuta Adidas

Per capirci, il marchio registrato ai tempi fu quello che vedete sopra e non il Logotipo che siamo abituati a vedere, in un certo senso Adidas tentò di registrare le strisce sulle tute di acetato, dei bei vecchi tempi in discoteca. Per chiarezza.

 


AmazonCommercial - Mascherine FFP2 certificate CE, filtraggio al 94% (confezione da 10)
  • Con certificazione CE da parte di un organismo notificato UE (numero 0099) che garantisce il rispetto degli standard europei di salute, sicurezza e protezione ambientale; confezionate in modo igienico per ulteriore sicurezza
  • Testate e approvate secondo gli standard FFP2 con un efficiente tasso di filtraggio superiore al 94%, intrappolano le particelle di dimensioni inferiori a 0,1 micron, inclusi i patogeni batterici
  • Design ad alta resistenza alla polvere, ideali da utilizzare a casa, al lavoro o all’esterno, proteggono da nebbia, foschia, tubi di scappamento delle auto, fumo passivo e altro
  • Realizzate con materiali di prima qualità, inclusi elastici delicati che non sfregano né irritano, possono essere facilmente appese al collo quando non si utilizzano. Create tenendo bene a mente sia la protezione che il comfort, grazie alla forma sagomata riducono la pressione sul viso
  • Il materiale morbido ed elastico intorno ai bordi delle mascherine aderisce al viso per impedire l’entrata di polvere, mentre i filtri stratificati in cotone ti permettono di respirare normalmente anche in ambienti caldi e umidi

Related Posts