L’arte, due volte donna