Sostenibilità energetica: Snam e Microsoft su cloud e IoT

Sostenibilità energetica: Snam e Microsoft su cloud e IoT

Snam e Microsoft consolidano la propria partnership per la sostenibilità energetica volta a sviluppare soluzioni in grado di abilitare l’evoluzione digitale delle reti energetiche grazie al cloud e all’Internet of Things (IoT). Le due aziende, a seguito del protocollo d’intesa sottoscritto nel 2019, hanno iniziato a sviluppare insieme un’infrastruttura “hybrid cloud” che consentirà a Snam di fare leva su una maggiore capacità di elaborazione dei dati e sull’IoT per gestire la propria rete in modo sempre più efficiente e flessibile, con benefici sia dal punto di vista dell’affidabilità e della sicurezza sia in ottica di transizione energetica.

LA SETTIMANA GRAFICA
ISCRIVITI ORA!

La sinergia darà vita, entro il prossimo autunno, a un’architettura digitale in grado di erogare da cloud alcuni servizi, tra cui gli applicativi commerciali a servizio degli utenti del sistema gas, e di fungere da piattaforma per l’integrazione di sistemi di IoT, intelligenza artificiale e machine learning che renderanno il network infrastrutturale di Snam sempre più intelligente. Il passaggio all’hybrid cloud, per il quale Snam si avvarrà di Azure, consentirà di acquisire, processare e valorizzare una maggior mole di dati, rendendo possibili ad esempio operazioni di manutenzione predittiva e analisi previsionali della domanda di energia con reti neurali.

La digitalizzazione è uno dei pilastri del programma SnamTec per l’innovazione e la transizione energetica, su cui Snam investe 1,4 miliardi di euro nell’ambito di un piano da complessivi 6,5 miliardi al 2023. Il programma prevede iniziative finalizzate sia a incrementare l’efficienza delle attività tradizionali dell’azienda – con l’obiettivo di abbattere del 40% le emissioni di metano e di CO2 diretta e indiretta, rispettivamente entro il 2025 e il 2030 – sia a dare impulso ai nuovi business dell’efficienza energetica, del biometano, dell’idrogeno e della mobilità sostenibile.

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO

“La digitalizzazione della nostra infrastruttura è essenziale per rendere Snam protagonista della transizione energetica, permettendole di contribuire a un nuovo modello di sviluppo sostenibile a beneficio di tutti gli stakeholder e dei territori nei quali opera. Per questo l’innovazione tecnologica è uno dei pilastri di SnamTec, il progetto nel quale investiremo 1,4 miliardi al 2023 per costruire l’azienda energetica del futuro. La collaborazione con Microsoft e lo sviluppo di tecnologie cloud, intelligenza artificiale e machine learning, abbinate alle competenze delle nostre persone, sono tasselli chiave di questa evoluzione di Snam”, ha dichiarato Claudio Farina, Executive Vice President Digital Transformation & Technology di Snam.

“La sostenibilità energetica ed ambientale è ormai un imperativo e tutti dobbiamo collaborare alla ricerca di nuove forme d’energia, nuove infrastrutture, nuovi modelli di mobilità e nuovi processi più green. Cloud Computing, IoT e Intelligenza Artificiale rappresentano degli straordinari abilitatori, perché solo dopo aver modernizzato l’infrastruttura e digitalizzato i sistemi si può compiere la transizione energetica e il passaggio ad energie pulite. Ci contraddistingue un comune impegno per la sostenibilità e siamo orgogliosi di collaborare insieme a una delle più importanti aziende del settore energetico in Europa in questo progetto sfidante quanto necessario per il futuro del Paese. Siamo sicuri che attraverso una gestione ancora più sofisticata delle reti per Snam sarà possibile non solo cogliere le opportunità legate all’evoluzione del sistema energetico, ma al contempo contribuire allo sviluppo sostenibile delle nostre città e comunità”, ha commentato Barbara Cominelli, COO e Marketing and Operations Lead Microsoft Italia.

Related Posts
La nuova Legge UE per l'intelligenza artificiale
Leggi di più

La nuova Legge Europea per l’intelligenza artificiale

L'Europarlamento ha approvato una legge rivoluzionaria sull'intelligenza artificiale (IA), stabilendo nuovi standard normativi che vietano specifiche applicazioni di IA. Questo include il divieto di sistemi di categorizzazione biometrica e l'acquisizione massiva di immagini facciali dal web o da videocamere di sicurezza per creare database destinati al riconoscimento facciale. Inoltre, la legislazione proibisce l'uso di tecnologie per l'analisi delle emozioni nei luoghi di lavoro e nelle istituzioni scolastiche, nonché l'implementazione di sistemi di valutazione sociale e metodi di polizia predittiva.