sfida accettata su facebook

Sfida accettata su facebook: che significa?

Come sempre sfida accettata su facebook è l’ultimo dei tormentoni ad intasare la nostra timeline, e come sempre parte bene e poi degenera. Vi ricorda nulla il Piccione Viola?

LA SETTIMANA GRAFICA
ISCRIVITI ORA!

Preambolo, challege accepted ha avuto rapido successo in Regno Unito per sensibilizzare sulla lotta ai tumori, come sempre la logica del 1 like = 1 preghiera fa sempre social impegnato: mai che partecipare ad uno screening sui tumori o donare alla ricerca chessò, all’AIRC passi per la mente delle persone come un più efficace metodo per combattere il cancro; cambiarsi la foto profilo pare essere più semplice (…).

Quindi ecco l’ultima sfida accettata su facebook, in cui però l’Italiano deve metterci del suo e travisarne come sempre il “nobile” intento… In Italia si è trasformato in una digitalizzazione nostalgica degli album di famiglia.

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO

Infatti inizialmente era: dato che hai fatto “mi piace” alla mia foto, ora devi postarne anche tu una in bianco e nero, scrivendo “Sfida accettata su facebook”. Si doveva riempire il social di foto in bianco e nero per mostrare il supporto alla battaglia contro il cancro. Ora sto invece vedendo sfida accettata con foto della Naja, di pargoli appena partoriti e gite in campagna.

Come sempre, 1 like = 1 preghiera non si smentisce mai. Lode alla signora Wilkinson che giustamente si è un po’ alterata sulla questione dato che ha 36 anni e dal 2013 lotta contro un tumore al seno, a lei che gli mettiate la foto in bianco e nero non ha certo cambiato la vita. Anzi, date uno sguardo alle sue di foto per rendervi conto di cosa sia una mastectomia.

Aridatece i gattini!

Related Posts
La nuova Legge UE per l'intelligenza artificiale
Leggi di più

La nuova Legge Europea per l’intelligenza artificiale

L'Europarlamento ha approvato una legge rivoluzionaria sull'intelligenza artificiale (IA), stabilendo nuovi standard normativi che vietano specifiche applicazioni di IA. Questo include il divieto di sistemi di categorizzazione biometrica e l'acquisizione massiva di immagini facciali dal web o da videocamere di sicurezza per creare database destinati al riconoscimento facciale. Inoltre, la legislazione proibisce l'uso di tecnologie per l'analisi delle emozioni nei luoghi di lavoro e nelle istituzioni scolastiche, nonché l'implementazione di sistemi di valutazione sociale e metodi di polizia predittiva.