Riconoscere un font? Presto potrebbe dircelo Spector

Come riconoscere un font? Potenzialmente fra poco potrà dircelo Spector, uno strumento sviluppato per dirci il nome del font.

Spector è uno strumento sviluppato dalla studentessa del Royal College of Art, Fiona O’Leary, potenzialmente in grado di colmare il divario tra progettazione grafica digitale e la stampa tipografica.

Si tratta di un dispositivo portatile che consente a diversi materiali di stampa di diventare interattivi: ad esempio trovando un carattere che ci piace ma di cui non sappiamo il nome potremo “scandirlo” con Spector e lui “ci dirà il nome del Font”, o la sua dimensione in Punti Tipografici, la spaziatura e pure su quale fonderia digitale acquistarlo, direttamente a schermo.

Spector Tool

 

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO

Oppure “far leggere” allo strumento un determinato materiale per averne poi le precise indicazioni sul colore: CMYK, RGB e perfino Pantone.

Spector si collega al computer tramite Bluetooth ed ha un’interfaccia software che mostra il tipo di colore od i font analizzati, il tutto semplicemente appoggiandolo su un foglio e scegliendo il relativo comando; il tutto è trasmesso al computer e da qui è possibile condividere le informazioni coi principali programmi DTP o videoscrittura.

A quanto ci risulta, quello nel video è attualmente un prototipo funzionante al 100%.

Related Posts
Il dilemma dell'intelligenza artificiale nella tipografia
Leggi di più

Il dilemma dell’intelligenza artificiale nella tipografia

L'intelligenza artificiale promette un grande sconvolgimento nel campo della tipografia e i designer si trovano a dover affrontare sia le opportunità che le sfide. Quale sarà l'impatto sulla qualità, sui ruoli del design e sull'uso dei caratteri tipografici in futuro? Esplorando questa nuova frontiera, ci rendiamo conto che ci troviamo in un momento importante quanto la stampa di Gutenberg, destinato a ridefinire il modo in cui interagiamo con il testo e la comunicazione visiva.