RCS registra conti in rosso nella prima trimestrare 2013

Il Consiglio di Amministrazione di RCS MediaGroup ha approvato e diffuso i risultati al 31 marzo 2013 del Gruppo, da quanto si desume dal report i ricavi consolidati sono scesi a 285,3 milioni di Euro rispetto ai precedenti 343,2; i ricavi pubblicitari a 108,1 milioni di Euro sui 142,1 milioni nel primo trimestre 2012 ed i ricavi da attività digitali oggi rappresentano il 12% dei proventi totali di Gruppo. RCS registra in questo primo trimestre un EBITDA per -39,5 milioni di Euro (-5,5 milioni nel pari periodo 2012).
A fronte di un indebitamento finanziario netto di 902,4 milioni di Euro (845,8 milioni al 31 dicembre 2012), il gruppo ha registrato un risultato netto pari a -107,1 milioni di Euro (-27,3 milioni nel pari periodo 2012).

Il calo di 34 milioni dei ricavi pubblicitari, viene imputato principalmente dal gruppo agli andamenti delle aree Quotidiani Spagna, Quotidiani Italia e Periodici, fortemente penalizzate dall’andamento dei mercati sul mezzo stampa. I ricavi diffusionali ammontano a 155,7 milioni di Euro (176,7 milioni nel pari periodo 2012), registrando andamenti negativi per la parte tradizionale e positivi per le edizioni digitali.
I ricavi editoriali diversi calano di 2,9 milioni di Euro, principalmente per la flessione dei ricavi realizzati tramite eventi e conferenze in Spagna.

I Quotidiani

L’area Quotidiani Italia registra ricavi per 113,4 milioni di Euro (-16,4% rispetto al pari periodo 2012). I ricavi pubblicitari sono pari a 45,8 milioni di Euro, in flessione del 24,4% rispetto all’anno precedente. La raccolta sui mezzi on-line, in costante crescita, raggiunge il 22,8% dei ricavi pubblicitari dell’area. I ricavi diffusionali passano da 69,7 milioni di Euro del primo trimestre 2012 a 62 milioni, evidenziando un +26,2% nei ricavi editoriali digitali sostenuti dallo sviluppo dell’offerta sulle nuove piattaforme multimediali.
Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport confermano la posizione di leadership diffusionale nei settori di riferimento, con copie medie diffuse nel periodo pari rispettivamente a 516 mila (-0,6% rispetto al 31 marzo 2012) e 282 mila (in linea rispetto al 2012), includendo le edizioni digitali. In linea col piano di rafforzamento dei sistemi multimediali che ruotano intorno alle due testate, proseguono gli interventi di sviluppo tra cui, per il Corriere, il lancio del sistema Corriere Innovazione e della nuova versione per iPad della Digital Edition, per la Gazzetta la nuova community di gazzetta.it e l’innovativo servizio Sportilia. Continua la crescita di tutti gli indicatori di traffico e lettura dei due siti, che nel trimestre raggiungono complessivamente oltre 52,4 milioni di browser unici medi mensili.
Crescono infine del 5,7% i ricavi editoriali diversi, principalmente per lo sviluppo delle attività di RCS Sport.

La Spagna

In Spagna, Unidad Editorial registra ricavi per 88,3 milioni di Euro rispetto ai 105,7 milioni del primo trimestre 2012. I ricavi pubblicitari sono pari a 32,4 milioni di Euro (41,8 milioni al 31 marzo 2012), evidenziando l’andamento della raccolta sui mezzi on-line, che si attesta al 24,3% dei ricavi pubblicitari complessivi netti. I ricavi editoriali si attestano a 48,5 milioni di Euro (54,5 milioni nel pari periodo 2012) per la generale flessione delle diffusioni.
El Mundo si conferma secondo quotidiano nazionale con 229 mila copie medie giornaliere, mentre Marca – testata leader nell’informazione sportiva – si attesta a 195 mila copie, includendo le edizioni digitali.

Nell’ambito delle attività on-line continua il trend di incremento degli utenti su tutti i siti del gruppo, rafforzando ulteriormente la posizione di leadership di Unidad Editorial. Il sito elmundo.es, con una media di 31,8 milioni di browser unici mensili, si conferma leader tra i siti generalisti in lingua spagnola. Il sito marca.com raggiunge la media di 30,8 milioni di browser unici mensili (-6,2% rispetto al pari periodo 2012) e si conferma leader assoluto tra i siti d’informazione in Spagna, mentre expansion.com registra un incremento del 29,2% rispetto al 31 marzo 2012, toccando la media di 4,8 milioni di browser unici mensili. Con la piattaforma digitale ORBYT, il gruppo si conferma leader nell’offerta on-line, raggiungendo a marzo la quota di circa 92 mila abbonati.

Il settore libri

I ricavi dell’area Libri si attestano a 35,1 milioni di Euro, rispetto ai 39,7 milioni del primo trimestre 2012: il calo, influenzato dalla significativa e generalizzata contrazione del mercato del libro e dell’ancora relativo impatto settoriale dell’ambito digitale, sconta – tra le altre – in particolare la flessione dei ricavi del settore Varia Italia. Tra i titoli usciti si ricordano in particolare “La Repubblica di Barbapapà” di Giampaolo Pansa, l’autobiografia di Ermanno Olmi “L’apocalisse è un lieto fine” e “Ogni angelo è tremendo” di Susanna Tamaro.

I periodici

I ricavi dell’area Periodici sono pari a 32,4 milioni di Euro (43 milioni al 31 marzo 2012), rispecchiando l’andamento del settore e la congiuntura economica recessiva ed evidenziando in particolare la flessione dei ricavi editoriali condizionati anche dalla diversa tempificazione e tipologia adottata per i prodotti collaterali. I ricavi pubblicitari ammontano a 15,3 milioni di Euro (21 milioni al 31 marzo 2012).
Il Sistema Femminile, che registra ricavi in diminuzione del 24%, con l’area digitale in crescita del 6%, evidenzia il buon andamento di Amica, del sito IoDonna.it e del portale Leiweb (oltre 70 milioni di pagine viste media mensili, +66% rispetto al primo trimestre 2012). Nell’ambito del Sistema Arredamento, il portale AtCasa si conferma leader di mercato con oltre 640 mila browser unici. Nel Sistema Familiari si evidenzia il buon risultato del sito Oggi.it, che duplica i dati del primo trimestre 2012, registrando oltre 2,5 milioni di browser unici.

Qui la trimestrale con tutti i dati

La Settimana Grafica

Iscriviti alla Settimana Grafica

Rimani aggiornato su tutto quello che accade nelle Arti Grafiche e nella comunicazione, iscriviti ora alla nostra newsletter settimanale.


ai sensi dell'art. 13 Reg. UE 2016/679 e acconsento al trattamento dei dati personali

Rispondi