Pixartprinting punta al piccolo formato con 4 Indigo 7600

Dopo aver abbracciato il digitale, per poi “ricredersi sull’offset”:https://www.draft.it/cms/Contenuti/per-pixartprinting-c-e-la-rinascita-della-stampa-offset con importanti investimenti, Pixartprinting punta nuovamente al digitale, potenziando il proprio parco macchine con l’introduzione di nuove HP Indigo.

Dopo aver abbracciato il digitale, per poi “ricredersi sull’offset”:https://www.draft.it/cms/Contenuti/per-pixartprinting-c-e-la-rinascita-della-stampa-offset con importanti investimenti, Pixartprinting punta nuovamente al digitale, potenziando il proprio parco macchine con l’introduzione di nuove HP Indigo. Sei HP 7000 delle dieci HP Indigo ora in funzione, saranno sostituite da quattro nuove 7600 che vanno ad affiancare altrettante “7500 acquistate lo scorso anno”:https://www.draft.it/cms/Contenuti/il-fespa-di-pixartprinting-una-valutazione e che a breve saranno aggiornate con i plus del nuovo modello lanciato in occasione di Drupa 2012.

Oltre alle soluzioni hardware, pixartprinting ha recentemente investito in una potente soluzione software firmata HP: il digital front-end Ultra Print Server customizzato per le esigenze dell’azienda veneziana in grado di gestire l’intero reparto Indigo. Si tratta di un server con controllo del workflow centralizzato, in grado di rasterizzare tutti i lavori, creare i job ticket, effettuare un’analisi delle specifiche di ogni macchina, indirizzando la commessa su quella disponibile in quel momento e contribuendo significativamente ad ottimizzare la produzione.

un traguardo ancora più ambizioso, l’installazione delle HP Indigo 10000

La nuova macchina da stampa digitale commerciale e a foglio *HP Indigo 7600*, fiore all’occhiello di HP e scelta da Pixartprinting, è in grado di produrre effetti esclusivi ad alto valore aggiunto per realizzare decorazioni su inviti, biglietti di auguri, brochure per prodotti di lusso e altri materiali di stampa di grande qualità.
“L’offset ci ha permesso di essere altamente competitivi per certi lavori”, spiega Matteo Rigamonti, presidente di Pixartprinting, “ma ci sono altre commesse per le quali il digitale è insostituibile. È per questo motivo che abbiamo deciso di riconfermare la fiducia a HP, nostro partner tecnologico di riferimento per il digitale di piccolo formato, siglando un accordo che abbiamo definito “ponte” perché ci traghetterà verso un traguardo ancora più ambizioso, ossia l’installazione delle “HP Indigo 10000”:https://www.draft.it/cms/multimedia/hp-indigo-10000-all-opera. Sistemi non ancora disponibili, ma che sulla carta sembrano essere estremamente interessanti per l’elevata capacità produttiva, grazie anche al formato superiore 50×70 cm”.

Le prime installazioni beta del modello HP Indigo 10000 Digital Press saranno “realizzate alla fine del 2012 presso il centro stampa del Wing Hung Group”:https://www.draft.it/cms/Contenuti/la-prima-hp-indigo-10000-digital-press-in-cina, il primo a dotarsi della nuovissima macchina offset digitale a foglio in formato B2; mentre la disponibilità commerciale della Indigo 10000 è prevista all’inizio del prossimo anno.

Il web to print veneziano, che tra i suoi punti di forza annovera proprio la volontà e la capacità di investire nei sistemi di ultima generazione, riconferma dunque la propria fiducia a HP per le piccole e medie tirature small format. “Infatti per la stampa di fogli multipli destinati alla realizzazione di cataloghi e libri rilegati con punto metallico, brossure grecate e incollate in piccole e medie tirature”, spiega Alessandro Tenderini, direttore generale di Pixartprinting, “la tecnologia digitale continua a essere competitiva rispetto all’offset. Quest’ultima, al contrario, si dimostra molto competitiva nel caso di foliazione singola per medie e alte tirature. Uno dei plus delle HP Indigo 7600 è senza dubbio l’Automatic Alert Agent, un elemento molto importante per un’azienda come la nostra, che presta grande attenzione al controllo del processo di stampa, con l’obiettivo di garantire ai clienti un’eccellenza qualitativa e tempi di consegna rapidi”.

L’Automatic Alert Agent, di cui sono dotate le HP 7600, è un sistema automatico di controllo che rileva e segnala all’operatore eventuali differenze tra il file digitale e il foglio stampato dalla macchina. Il controllo qualità è quindi completamente automatizzato, i tempi di produzione sono ottimizzati e si evitano sprechi di prodotti e rischi di consegnare ai clienti finali degli stampati imperfetti.

Related Posts