Giovani Italiani: tra pirateria digitale e prodotti contraffatti

Giovani Italiani tra pirateria digitale e prodotti contraffatti

Uno studio condotto da Skuola.net su un campione di 2.500 giovani italiani ha rivelato una realtà preoccupante: l’accesso a contenuti piratati e l’acquisto di merci contraffatte sono diventati comportamenti routinari.

Le violazioni della proprietà intellettuale continuano a essere una questione preoccupante, soprattutto tra le giovani generazioni. Un’indagine condotta da Skuola.net su 2.500 giovani tra gli 11 e i 25 anni ha rivelato che l’acquisto di prodotti contraffatti e la pirateria digitale sono comportamenti molto diffusi. Circa il 33% degli intervistati ha ammesso di aver acquistato abbigliamento o accessori falsi, mentre oltre il 42% ha acquistato prodotti tecnologici non originali. Ancora più allarmante è il dato che indica come due terzi (66%) dei giovani abbiano fatto uso di siti pirata per accedere a contenuti di intrattenimento come film, serie TV e eventi sportivi.

LA SETTIMANA GRAFICA
ISCRIVITI ORA!

La condivisione di password per servizi di streaming, un comportamento che viola le condizioni d’uso di piattaforme come Netflix o Spotify, è stata ammessa dal 50% dei partecipanti. Inoltre, il 30% utilizza software craccato per evitare di pagare abbonamenti. Sebbene l’utilizzo di decoder per accedere gratuitamente a canali satellitari o a pagamento sia in calo, con solo il 6% che lo possiede ancora, la pratica di cercare vie alternative per accedere a contenuti a pagamento senza effettivamente pagare rimane problematica.

L’indagine evidenzia anche una mancanza di consapevolezza o di preoccupazione per le conseguenze legali e morali di tali azioni. Circa il 31% degli intervistati è consapevole delle possibili conseguenze ma sceglie comunque di risparmiare attraverso mezzi illeciti. Ancora più preoccupante è che il 20% non si rende conto dell’impatto negativo delle proprie azioni sulla legalità e sui creatori dei contenuti.

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO
Giovani Italiani: tra pirateria digitale e prodotti contraffatti

Nonostante questo scenario, c’è una luce di speranza: quasi metà dei giovani intervistati (49%) evita consapevolmente tali comportamenti illeciti, riconoscendo i rischi e i danni associati. Questo suggerisce che un’educazione e una sensibilizzazione efficaci possono avere un impatto positivo. Iniziative come “No Fake, Be Real“, sostenute dall’EUIPO (Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale), mirano a promuovere la consapevolezza sulla proprietà intellettuale tra i giovani. Questo progetto, in particolare, cerca di coinvolgere gli studenti attraverso materiali didattici e attività che enfatizzano l’importanza di rispettare la proprietà intellettuale e i pericoli della contraffazione e della pirateria.

L’educazione formale gioca un ruolo cruciale in questo contesto. Tuttavia, solo il 21% degli intervistati ha discusso questi temi a scuola, evidenziando una significativa lacuna nell’istruzione formale riguardo alla proprietà intellettuale. Quasi la metà degli intervistati (46%) ha espresso il desiderio di approfondire la questione, possibilmente con l’aiuto di esperti, indicando un forte bisogno di maggiori informazioni e consapevolezza su come proteggere e rispettare i diritti di proprietà intellettuale.

Questi dati sottolineano l’importanza di intensificare gli sforzi di sensibilizzazione e educazione sulla proprietà intellettuale. Promuovere una cultura del rispetto per i diritti d’autore e delle opere d’ingegno può non solo ridurre il numero di violazioni ma anche sostenere l’innovazione e la creatività, essenziali per lo sviluppo culturale ed economico della società.

Related Posts
Diabolik e il segreto di Cadorna
Leggi di più

Diabolik e il segreto di Cadorna

Nel contesto urbano di Milano, un evento particolare sta per catturare l’attenzione di appassionati di fumetti, storici della…
Marcello Gandini
Leggi di più

È morto Marcello Gandini, uno dei più famosi car designer

Marcello Gandini, l'illustre designer di automobili, ci ha lasciati all'età di 85 anni, lasciando un'eredità di innovazioni nel design automobilistico italiano. Celebrato per le sue creazioni rivoluzionarie, tra cui la Lamborghini Miura e la Ferrari GT4, il suo talento ha ridefinito l'estetica e la funzionalità nel mondo delle auto di prestigio. Il Politecnico di Torino ha riconosciuto il suo contributo eccezionale al design conferendogli la laurea honoris causa il 12 gennaio, rendendo omaggio al suo impatto duraturo e alla sua visione avanguardistica.