Giovani Italiani: tra pirateria digitale e prodotti contraffatti

Giovani Italiani tra pirateria digitale e prodotti contraffatti

Uno studio condotto da Skuola.net su un campione di 2.500 giovani italiani ha rivelato una realtà preoccupante: l’accesso a contenuti piratati e l’acquisto di merci contraffatte sono diventati comportamenti routinari.

Le violazioni della proprietà intellettuale continuano a essere una questione preoccupante, soprattutto tra le giovani generazioni. Un’indagine condotta da Skuola.net su 2.500 giovani tra gli 11 e i 25 anni ha rivelato che l’acquisto di prodotti contraffatti e la pirateria digitale sono comportamenti molto diffusi. Circa il 33% degli intervistati ha ammesso di aver acquistato abbigliamento o accessori falsi, mentre oltre il 42% ha acquistato prodotti tecnologici non originali. Ancora più allarmante è il dato che indica come due terzi (66%) dei giovani abbiano fatto uso di siti pirata per accedere a contenuti di intrattenimento come film, serie TV e eventi sportivi.

La condivisione di password per servizi di streaming, un comportamento che viola le condizioni d’uso di piattaforme come Netflix o Spotify, è stata ammessa dal 50% dei partecipanti. Inoltre, il 30% utilizza software craccato per evitare di pagare abbonamenti. Sebbene l’utilizzo di decoder per accedere gratuitamente a canali satellitari o a pagamento sia in calo, con solo il 6% che lo possiede ancora, la pratica di cercare vie alternative per accedere a contenuti a pagamento senza effettivamente pagare rimane problematica.

L’indagine evidenzia anche una mancanza di consapevolezza o di preoccupazione per le conseguenze legali e morali di tali azioni. Circa il 31% degli intervistati è consapevole delle possibili conseguenze ma sceglie comunque di risparmiare attraverso mezzi illeciti. Ancora più preoccupante è che il 20% non si rende conto dell’impatto negativo delle proprie azioni sulla legalità e sui creatori dei contenuti.

Giovani Italiani: tra pirateria digitale e prodotti contraffatti

Nonostante questo scenario, c’è una luce di speranza: quasi metà dei giovani intervistati (49%) evita consapevolmente tali comportamenti illeciti, riconoscendo i rischi e i danni associati. Questo suggerisce che un’educazione e una sensibilizzazione efficaci possono avere un impatto positivo. Iniziative come “No Fake, Be Real“, sostenute dall’EUIPO (Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale), mirano a promuovere la consapevolezza sulla proprietà intellettuale tra i giovani. Questo progetto, in particolare, cerca di coinvolgere gli studenti attraverso materiali didattici e attività che enfatizzano l’importanza di rispettare la proprietà intellettuale e i pericoli della contraffazione e della pirateria.

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO

L’educazione formale gioca un ruolo cruciale in questo contesto. Tuttavia, solo il 21% degli intervistati ha discusso questi temi a scuola, evidenziando una significativa lacuna nell’istruzione formale riguardo alla proprietà intellettuale. Quasi la metà degli intervistati (46%) ha espresso il desiderio di approfondire la questione, possibilmente con l’aiuto di esperti, indicando un forte bisogno di maggiori informazioni e consapevolezza su come proteggere e rispettare i diritti di proprietà intellettuale.

Questi dati sottolineano l’importanza di intensificare gli sforzi di sensibilizzazione e educazione sulla proprietà intellettuale. Promuovere una cultura del rispetto per i diritti d’autore e delle opere d’ingegno può non solo ridurre il numero di violazioni ma anche sostenere l’innovazione e la creatività, essenziali per lo sviluppo culturale ed economico della società.

Related Posts
Leggi di più

Il perché di una nuova newsletter

Si chiamava e l'ho voluta chiamare ancora "La Settimana Grafica", questa newsletter ha origini come estensione del nostro sito e nel corso di diverse decadi ha costantemente condiviso gli articoli pubblicati da noi.