30 anni di Photoshop

Oggi Photoshop compie 30 anni di grafica digitale

Il 19 febbraio 1990, un software sconosciuto chiamato Photoshop arrivò sugli scaffali dei negozi, offrendo a fotografi e grafici professionisti modi completamente nuovi di modificare e creare immagini digitali. All’epoca, i suoi creatori non avrebbero mai potuto immaginare quanto sarebbe diventato influente Photoshop, che alla fine sarebbe stato utilizzato in settori così diversi come l’editoria, la pubblicità, le belle arti, il web design, il cinema, la medicina, le forze dell’ordine, la moda, il governo, i videogiochi e innumerevoli altri campi.

Ma facciamo un passo indietro.

Thomas Knoll, dottorando in computer vision all’Università del Michigan, nel 1987 scrisse un programma per visualizzare e modificare le immagini digitali. Suo fratello John, che lavorava presso la società di effetti visivi per il cinema Industrial Light&Magic, lo trovava utile per l’editing delle foto, ma non era destinato ad essere un prodotto. Knoll disse che l’avevano sviluppato originariamente per il loro uso personale… “fu molto divertente da fare”. Stiamo per assistere alla nascita di Photoshop.

Gradualmente il programma, chiamato inizialmente “Display” diventò più sofisticato. Nell’estate del 1988 si resero conto che poteva davvero essere un prodotto commerciale credibile. Lo ribattezzarono “Photoshop” e cominciarono a cercare un’azienda per distribuirlo. Circa 200 copie della versione 0.87 furono raggruppate dal produttore di scanner per diapositive Barneyscan come “Barneyscan XP”.

Il destino di Photoshop fu segnato quando Adobe, incoraggiata dal suo direttore artistico Russell Brown, decise di acquistare una licenza per distribuire una versione migliorata di Photoshop. L’affare si concluse nell’aprile 1989 e la versione 1.0 iniziò ad essere spedita all’inizio del 1990. Nei dieci anni successivi, furono vendute più di 3 milioni di copie di Photoshop.

Photoshop 1.0

Quella prima versione fu scritta principalmente in Pascal per l’Apple Macintosh, con un linguaggio macchina per il microprocessore Motorola 68000, dove l’efficienza di esecuzione era importante. Non è stato lo sforzo di un grande team. Thomas ha detto: “Per la versione 1, ero l’unico ingegnere, e per la versione 2, avevamo due ingegneri”. Mentre Thomas lavorava al programma applicativo di base, John ha scritto molti dei plug-in per l’elaborazione delle immagini.

Da oggi Photoshop è gratis per il download

In un’intervista per i 25 anni del software Thomas Knoll disse come Photoshop fosse un prodotto in anticipo sui tempi. Quando uscì per la prima volta non c’erano molti modi per elaborare le immagini. Nel frattempo, il Web è diventato popolare nei primi anni 1990. I creatori di siti web avevano bisogno di elaborare immagini relativamente piccole e comprimerle e farle apparire belle, ed è qui che è entrato in gioco Photoshop. Poi sono arrivate le stampanti a getto d’inchiostro, seguite dall’arrivo delle fotocamere digitali. “Non credo che la fotografia digitale sarebbe diventata così popolare se non ci fosse stato un modo per stampare ed elaborare le immagini” conclude Knoll.

CreativeLive ha chiesto agli esperti di Photoshop di aprire Photoshop 1.0, ecco cosa è successo.


AmazonCommercial - Mascherine FFP2 certificate CE, filtraggio al 94% (confezione da 10)
  • Con certificazione CE da parte di un organismo notificato UE (numero 0099) che garantisce il rispetto degli standard europei di salute, sicurezza e protezione ambientale; confezionate in modo igienico per ulteriore sicurezza
  • Testate e approvate secondo gli standard FFP2 con un efficiente tasso di filtraggio superiore al 94%, intrappolano le particelle di dimensioni inferiori a 0,1 micron, inclusi i patogeni batterici
  • Design ad alta resistenza alla polvere, ideali da utilizzare a casa, al lavoro o all’esterno, proteggono da nebbia, foschia, tubi di scappamento delle auto, fumo passivo e altro
  • Realizzate con materiali di prima qualità, inclusi elastici delicati che non sfregano né irritano, possono essere facilmente appese al collo quando non si utilizzano. Create tenendo bene a mente sia la protezione che il comfort, grazie alla forma sagomata riducono la pressione sul viso
  • Il materiale morbido ed elastico intorno ai bordi delle mascherine aderisce al viso per impedire l’entrata di polvere, mentre i filtri stratificati in cotone ti permettono di respirare normalmente anche in ambienti caldi e umidi

Related Posts