Paesaggi Mirati. Rassegna di Architettura del Paesaggio

La seconda edizione di Paesaggi mirati, rassegna dedicata all’architettura del paesaggio, a cura di DA-A Architetti, è ospitata all’interno del festival delle arti Studi Aperti, promosso dall’associazione culturale Asilo Bianco a Ameno (No).

Il tema portante della sezione è il rapporto tra architettura, design ed ecosostenibilità ambientale dove design e architettura si interrogano su come una nuova sensibilità estetica possa interagire con la ricerca di materiali ecologici e riciclabili.
Un gruppo di progettisti è stato invitato da Asilo Bianco per costruire una serie di installazioni a tema: opere-scultura, ecoinstallazioni, architetture, isole di relax, interventi nel verde.

All’interno del parco neo-gotico di Palazzo Tornielli e del parco di Villa Obicini, saranno realizzati progetti di arte pubblica, aree ad alto impatto sensoriale, spazi che consentano alle persone di accomodarsi, di giocare, di camminare e di rilassarsi, “oggetti minimi”, installazioni e allestimenti per spazi suggestivi. I progetti saranno trasformati in prototipi e realizzati da alcune aziende scelte per la loro specializzazione sia nel settore della produzione di arredo urbano sia in materiali eco-compatibili.

L’11 e il 12 luglio a Ameno (No) ritorna l’appuntamento con STUDI APERTI, promosso dall’associazione culturale Asilo Bianco, con il sostegno di Regione Piemonte, Cuore Verde tra due Laghi e comune di Ameno. 40 spazi aperti al pubblico, cinque sezioni (architettura, arte, fotografia letteratura e musica), oltre 20 artisti, 7 studi di architettura del paesaggio, ospiti internazionali: Studi aperti permette così di creare spazi d’incontro tra i visitatori e il lavoro di alcuni artisti che hanno scelto le colline del Lago d’Orta come officina creativa.
Quest’anno il programma delle due giornate, con gli spazi aperti dalle 16 alle 22, si apre alle contaminazioni delle arti, permettendo una profonda collaborazione tra le forme espressive, volti diversi della nostra contemporaneità.

Rispondi