Packaging sostenibile, nel lusso è imprescindibile Ne parliamo con Laura Barreiro, Sustainability and Stakeholder Engagement in Asia Pulp & Paper

Oggi, più che mai, la sostenibilità è parte dell’identità di prodotto dei beni di lusso. Fino a qualche tempo fa i brand del lusso vedevano il packaging solo come un mezzo per sedurre l’acquirente, oggi devono tener conto che il consumatore è alla ricerca di packaging che non sia più solo bello. Ora deve essere anche sostenibile.

Ne parliamo con Laura Barreiro, Sustainability and Stakeholder Engagement in Asia Pulp & Paper

Il packaging sostenibile sta diventando sempre più importante per i consumatori?


La sostenibilità gioca un ruolo sempre più importante per i consumatori. Stiamo assistendo allo sviluppo di nuove regole/nuovi riferimenti su cui basare i propri comportamenti d’acquisto. Di conseguenza, i brand sono sempre più consapevoli della necessità di dimostrare la propria responsabilità sociale e, soprattutto, di assicurarsi che il proprio packaging sia sostenibile.

Un approccio sempre più radicato soprattutto nel settore del lusso. Per approfondire questi aspetti, abbiamo recentemente commissionato una ricerca che ha evidenziato quanto sarebbe dannoso per i brand che operano nel business del lusso non andare incontro a queste nuove richieste dei consumatori.

Lo studio, che ha preso in considerazione consumatori inglesi, francesi e italiani, ha dimostrato che un consumatore su cinque (21%) non comprerebbe un prodotto eccessivamente imballato. Allo stesso modo, un quarto dei consumatori (24%) non comprerebbe i prodotti di un brand privo di credential dal punto di vista ambientale.

La ricerca ha inoltre rilevato che la maggior parte dei consumatori (78%) sarebbe disposta a pagare un prezzo maggiore a fronte di un packaging più sostenibile. Non c’è da stupirsi se si considera quanto la tematica sia rilevante oggi e l’attenzione che anche i media quotidianamente dedicano alla sostenibilità degli imballaggi.

I brand quindi rispondono alle richieste dei consumatori in modo innovativo?


L’approccio ai consumi è sempre più consapevole e i brand sono continuamente alla ricerca di metodi innovativi per poter soddisfare la crescente attenzione che i consumatori prestano a questi aspetti. Coca-Cola, ad esempio, ha lanciato le prime bottiglie biodegradabili. Noi di APP, invece, stiamo continuando a esplorare nuovi metodi per soddisfare la richiesta dei consumatori di imballaggi sostenibili. Ad esempio, la nostra linea Foopak offre opzioni di packaging biodegradabile.

Eppure, molti brand non lo stanno comunicando in modo chiaro ai consumatori


Molti brand stanno lavorando perché il packaging dei loro prodotti sia sostenibile, ma è fondamentale che lo comunichino in maniera chiara ai loro clienti. I brand che non implementano o promuovono in modo adeguato i propri sforzi in termini di sostenibilità corrono il rischio di vedere ridotte le proprie entrate. Un quarto dei consumatori (26%) prima dell’acquisto di un prodotto di lusso non controlla se il brand sia sostenibile solo perché non saprebbe dove verificarlo.

Sebbene molti marchi del lusso adottino un sistema di approvvigionamento responsabile lungo tutta la filiera, non sempre questo impegno viene comunicato in maniera efficace nei confronti dei consumatori.

A non andare incontro alle richieste dei consumatori, i brand del lusso rischiano di perderci?


Il packaging sostenibile sta diventando sempre più importante per i consumatori che si accingono all’acquisto di un prodotto di lusso. Brand come Net-a-Porter, ad esempio, pioniera dell’e-commerce di lusso, propone packaging sostenibile per andare incontro alle esigenze dei propri clienti.

Le aziende che non tengono conto di questi aspetti rischiano di perdere opportunità di business significative perché la sostenibilità e il packaging sono intrinsecamente legati nella mente dei consumatori.

La Settimana Grafica

Iscriviti alla Settimana Grafica

Rimani aggiornato su tutto quello che accade nelle Arti Grafiche e nella comunicazione, iscriviti ora alla nostra newsletter settimanale.


ai sensi dell'art. 13 Reg. UE 2016/679 e acconsento al trattamento dei dati personali

Rispondi