Ottava puntata sul rinnovo del CCNL Grafici Editori

Ulteriore aggiornamento sullo stato della trattativa per il “rinnovo ccnl grafici-editori 2010-2013”: le riunioni tenute lo scorso 8 e 9 marzo erano principalmente improntate alla discussione per derimere le questioni ancora sul tavolo tra cui gli aumenti minimi retributivi e i costi e modalità del fondo Sanitario.

Ulteriore aggiornamento sullo stato della trattativa per il “rinnovo ccnl grafici-editori 2010-2013”: le riunioni tenute lo scorso 8 e 9 marzo erano principalmente improntate alla discussione per derimere le questioni ancora sul tavolo tra cui gli aumenti minimi retributivi e i costi e modalità del fondo Sanitario.
Dopo una lunga e serrata discussione, pur registrando alcuni avvicinamenti tra le parti (imprenditoriale e sindacale) la trattativa è giunta ad una posizione di stallo, principalmente a causa delle perduranti distanze sui costi delle operazioni messe in campo.

Il sindacato rivolgendosi alla parte imprenditoriale ha definito la propria disponibilità prospettando una nuova ipotesi di diversa conclusione del negoziato circoscritta ad un aumento retributivo parametrato “all’indicice Ipca”:http://it.wikipedia.org/wiki/Indice_dei_prezzi_al_consumo, così facendo gli aumenti proposti si baserebbero sul reale costo della vita, il parametro infatti misura i prezzi al consumo.
_Come segnalato nei commenti_ l’aumento retributivo offerto è stato di 90,00 euro lorde al livello B3, mentre allo scorso rinnovo fu di 105,00 euro per il C1 (livello inferiore del B3).
Nella discussione è nuovamente stata proposta la copertura sanitaria anche alle forme di lavoro atipico e autonomo.

La nuova impostazione, sulla quale, tuttavia, è stata posta una riserva da parte di una organizzazione sindacale, è stata valutata percorribile da parte imprenditoriale.
Dato che lo scioglimento della riserva richiede, per l’organizzazione che l’ha posta, lo svolgimento di una serie di consultazioni, il negoziato è stato aggiornato.


AmazonCommercial - Mascherine FFP2 certificate CE, filtraggio al 94% (confezione da 10)
  • Con certificazione CE da parte di un organismo notificato UE (numero 0099) che garantisce il rispetto degli standard europei di salute, sicurezza e protezione ambientale; confezionate in modo igienico per ulteriore sicurezza
  • Testate e approvate secondo gli standard FFP2 con un efficiente tasso di filtraggio superiore al 94%, intrappolano le particelle di dimensioni inferiori a 0,1 micron, inclusi i patogeni batterici
  • Design ad alta resistenza alla polvere, ideali da utilizzare a casa, al lavoro o all’esterno, proteggono da nebbia, foschia, tubi di scappamento delle auto, fumo passivo e altro
  • Realizzate con materiali di prima qualità, inclusi elastici delicati che non sfregano né irritano, possono essere facilmente appese al collo quando non si utilizzano. Create tenendo bene a mente sia la protezione che il comfort, grazie alla forma sagomata riducono la pressione sul viso
  • Il materiale morbido ed elastico intorno ai bordi delle mascherine aderisce al viso per impedire l’entrata di polvere, mentre i filtri stratificati in cotone ti permettono di respirare normalmente anche in ambienti caldi e umidi

Related Posts