Nuovo design per il magazine Vita

Alla soglia del suo diciottesimo compleanno, Vita, il magazine del non profit e degli stili di vita sostenibili diretto da Giuseppe Frangi, si trasforma. Dall’8 giugno, e poi ogni primo venerdì del mese, è infatti in edicola il nuovo Vita mensile. Non più un tabloid ma un magazine vero e proprio, elegante e maneggevole, dalla grafica accattivante.

Alla soglia del suo diciottesimo compleanno, Vita, il magazine del non profit e degli stili di vita sostenibili diretto da Giuseppe Frangi, si trasforma. Dall’8 giugno, e poi ogni primo venerdì del mese, è infatti in edicola il nuovo Vita mensile. Non più un tabloid ma un magazine vero e proprio, elegante e maneggevole, dalla grafica accattivante. Un mensile di approfondimento e di riflessione sull’attualità, all’insegna dell’innovazione sociale e dell’informazione mobilitante, dedicato a tutti i cittadini interessati ai temi del welfare e degli stili di vita sostenibili, e alle imprese attive sul campo della responsabilità sociale e dei consumi responsabili.

Il nuovo Vita si avvale delle firme importanti che già settimanalmente siglano gli editoriali del giornale, tra cui quelle di Giulio Albanese, Aldo Bonomi, Franco Bomprezzi, Luca De Biase, Erri De Luca, Luca Doninelli, Giulio Sapelli, Giorgio Vittadini, Stefano Zamagni, e tanti altri. Tre le sezioni che compongono il magazine. In apertura “4Weeks”, che offre una panoramica sui temi caldi legati al non profit che emergono dall’attualità. News, brevi interviste, voci dal mondo della società civile, della politica, della cultura e delle imprese impegnate sul fronte del welfare. La parte centrale è dedicata alle grandi inchieste di Vita: storie, reportage sul campo, interviste su grandi temi del terzo settore.

La terza parte, “How to”, porta invece in primo piano l’attività e le buone pratiche messe in atto dal non profit italiano, e fornisce a chi opera nel terzo settore strumenti pratici dedicati all’attività quotidiana di chi “fa”: le best practice, i consigli degli esperti, le collaborazioni virtuose già attivate tra profit, non profit e pubblica amministrazione, per offrire modelli da replicare. Non manca poi un’agenda degli appuntamenti legati al non profit e alla sostenibilità, per essere ciascuno parte attiva del rinnovamento sociale.

Il debutto del nuovo magazine si accompagna anche al rinnovamento del sito “www.vita.it”:http://www.vita.it, online dalla fine di giugno, e ad una nuova offerta di prodotti, servizi e supporti per tablet e mobile, per aprire un dialogo diretto con i lettori, nell’ottica che ogni cittadino possa a sua volta essere fonte di notizie. Più informazione quindi, e ovunque, più interattività, più contenuti multimediali da condividere, commentare e approfondire.
Perché l’obiettivo non è solo fare testimonianza e informazione, ma anche mobilitare tutta la grandissima comunità del non profit italiano. Vita.it offrirà inoltre numerosi servizi dedicati alle organizzazioni non profit e alle imprese: una piattaforma per la ricerca e l’offerta di lavoro, un’agenda, e uno spazio per comunicare direttamente con i propri interlocutori.

“Un giornale non è la sua carta. Un giornale è una redazione al lavoro, un sistema di relazioni, la capacità di ricercare e organizzare gli attori di una comunità e i suoi racconti. Un giornale è la capacità di far parlare i soggetti sociali, di metterli in confronto, di farli contare nel dibattito pubblico, fatto sempre meno di pagine e sempre più di incontri”, ha dichiarato Riccardo Bonacina, presidente di Vita Società Editoriale.

La copertina del nuovo numero è dedicata al sostegno a distanza: un meccanismo di solidarietà, ampliamente approfondito nelle pagine centrali, che in questi anni ha conosciuto una grandissima fortuna in Italia. A corredo dell’inchiesta, una ricerca appositamente realizzata per Vita dall’Istituto per le donazioni, con le analisi di Riccardo Moro e Giulio Albanese.


AmazonCommercial - Mascherine FFP2 certificate CE, filtraggio al 94% (confezione da 10)
  • Con certificazione CE da parte di un organismo notificato UE (numero 0099) che garantisce il rispetto degli standard europei di salute, sicurezza e protezione ambientale; confezionate in modo igienico per ulteriore sicurezza
  • Testate e approvate secondo gli standard FFP2 con un efficiente tasso di filtraggio superiore al 94%, intrappolano le particelle di dimensioni inferiori a 0,1 micron, inclusi i patogeni batterici
  • Design ad alta resistenza alla polvere, ideali da utilizzare a casa, al lavoro o all’esterno, proteggono da nebbia, foschia, tubi di scappamento delle auto, fumo passivo e altro
  • Realizzate con materiali di prima qualità, inclusi elastici delicati che non sfregano né irritano, possono essere facilmente appese al collo quando non si utilizzano. Create tenendo bene a mente sia la protezione che il comfort, grazie alla forma sagomata riducono la pressione sul viso
  • Il materiale morbido ed elastico intorno ai bordi delle mascherine aderisce al viso per impedire l’entrata di polvere, mentre i filtri stratificati in cotone ti permettono di respirare normalmente anche in ambienti caldi e umidi

Related Posts