Social Media Week a Milano

Una nuova Social Media Week a Milano

Dal 12 al 16 giugno una edizione totalmente rinnovata con un nuovo organizzatore, una nuova location, un forte focus su qualità dei contenuti e dei relatori per una full immersion nel mondo del digitale e non solo.

La Social Media Week, settimana mondiale di eventi dedicata al Web, alla Tecnologia, all’Innovazione e ai Social Media, si prepara a tornare a Milano dal 12 al 16 giugno 2017 al Talent Garden, il coWorking Space in Via Calabiana.

LA SETTIMANA GRAFICA
ISCRIVITI ORA!

La prima novità riguarda l’organizzazione dell’evento che da quest’anno passa sotto la conduzione di Business International (divisione di Fiera Milano Media) già organizzatrice dell’edizione di Roma e di altri importanti eventi per la community digital come l’SMXL Milano o l’eMetrics Summit.

“Language and the Machine” (Algorithms and the Future of Communication) sarà il Main Theme dell’edizione milanese che si svolgerà in contemporanea con altre SMW internazionali come Los Angeles e Città del Messico e vedrà la partecipazione di manager d’azienda, esperti del settore, case histories e testimonianze di successo che esploreranno temi come nuove frontiere del marketing digitale, intelligenza artificiale,  realtà aumentata, robotica, digital business, mobile, design, food tech, travel e tanto altro.

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO

Il programma completo dell’evento è disponibile sul sito dove è possibile registrarsi per partecipare agli eventi con SMW passport.

Related Posts
La nuova Legge UE per l'intelligenza artificiale
Leggi di più

La nuova Legge Europea per l’intelligenza artificiale

L'Europarlamento ha approvato una legge rivoluzionaria sull'intelligenza artificiale (IA), stabilendo nuovi standard normativi che vietano specifiche applicazioni di IA. Questo include il divieto di sistemi di categorizzazione biometrica e l'acquisizione massiva di immagini facciali dal web o da videocamere di sicurezza per creare database destinati al riconoscimento facciale. Inoltre, la legislazione proibisce l'uso di tecnologie per l'analisi delle emozioni nei luoghi di lavoro e nelle istituzioni scolastiche, nonché l'implementazione di sistemi di valutazione sociale e metodi di polizia predittiva.