MOSTRO: graphic design camp

MOSTRO-SARP-SOZDINLER

MOSTRO - Graphic Design Camp è un evento dedicato alle arti grafiche e alla comunicazione visiva che si svolgerà a Milano (6-12 ottobre) nell’ambito della seconda edizione dei Brera Design Days: incontri, workshop ed esposizioni animeranno due location d’eccezione – Laboratorio Formentini e TIM Space – con l’obiettivo di ‘mettere in mostra’ il mondo professionale del graphic design e di offrire una panoramica internazionale delle arti grafiche oggi.

Mostro – prima persona singolare, è il presente indicativo di mostrare e nel significato etimologico del termine è sinonimo di prodigio, portento, ma nel linguaggio comune rappresenta spesso un essere deforme, non per forza cattivo, che incute timore e meraviglia insieme, metaforicamente, la grafica. L’evento racchiude in sé entrambi questi aspetti, e racconta, in tutte le sue sfaccettature, il mondo delle arti grafiche e della comunicazione visiva: la disciplina “funzionale” alle altre forme di design, quella che più sfugge alle definizioni, poiché coinvolge competenze molto trasversali, dove i punti di vista cambiano continuamente.

Nella società dell’immagine, anch’essa fluida e mutevole per sua natura, le arti grafiche sono lo strumento imprescindibile per dare forma ed espressione a tutto ciò che si vuole comunicare, al mondo dell’informazione. Siano prodotti, eventi, imprese si è alla costante ricerca del volto, del font, della cover, del colore, della forma e delle sembianze adatte strategicamente per “mostrare” la propria immagine e descriverne i contenuti.

Il graphic design camp vuole dare voce a professionisti del settore e rappresentare scuole di pensiero e approcci professionali diversi e innovativi, coinvolgendo vari settori dall’editoria, ai musei e al commercio, fino all’urbanistica e alla pubblicità.

MOSTRO - Maltatype

Il Laboratorio Formentini per l’editoria, struttura nel cuore di Brera dedicata ai mestieri dell’editoria, sarà il fulcro della manifestazione attorno a cui ruoteranno cinque mostre: Sarp Sozdinler (Istanbul) – con una selezione di manifesti e poster, Maltatype (La Valletta) – con la loro mappatura dei font storici della capitale maltese, Onka Allmayer-Beck (Vienna) – presentando alcune declinazioni della sue note illustrazioni, Zaven (Venezia) raccontando il progetto per la fondazione d’arte russa VAC, e Undesign (Torino) – esponendo il libro che passa in rassegna i primi dieci anni di attività dello studio.

In programma l’11 ottobre dalle 16 alle 18 anche il workshop Quadentro, curato da Emilio Lonardo in collaborazione con Arjowiggings-divisione arti creative. Il workshop intende dimostrare quella che può sembrare una semplice banalità invece importante: nonostante l’avanzare della tecnologia utilizziamo ancora notebook analogici per annotare i nostri pensieri, ricordi, gli impegni professionali. Quadentro è un luogo dove conservare tutte queste cose, personali e personalizzate, e dove tutto si crea e si trasforma. Il workshop consisterà nella realizzazione del proprio Quadentro personale scegliendo tra copertine, fili, carte interne.

Il festival prevede inoltre talk di alcuni dei grafici in mostra che parleranno dei loro lavori e del loro modus operandi e due focus on: il primo di Aideen McCole (Irlanda) che presenterà il progetto 100 Archive – l’unico “archivio vivente” in Europa gestito dalla comunità di comunicazione visiva contemporanea irlandese (forse ogni paese dovrebbe averlo) – e il secondo tenuto da Peter Folkman (Danimarca) che racconterà come nasce e cresce un festival di grafica, presentando la case history di POST, il Festival di grafica a Copenaghen. Altri appuntamenti in agenda, tra cui un incontro con Viscom Italia – la Mostra Convegno Internazionale di Comunicazione Visiva che prenderà il via il 12 ottobre, fil rouge ideale che legherà il “fuorisalone cittadino Mostro” alla fiera; una piccola esposizione presso lo storico Frutteto Garibaldi in Brera e un finissage work in progress presso il Lab. Formentini.

MOSTRO - UNDESIGN - Oxygen

MOSTRO vuole dare quindi una panoramica a largo spettro e assolutamente contemporanea sul “fare grafica” oggi in Europa, portando differenti esempi: da un libro a un festival, da una fiera a un museo, da una bottiglia d’acqua minerale a una città, da un archivio a un festival, dal cucire un quaderno al disegnare su una tavola grafica.

Curato da Marco Sammicheli, coordinato da Maria A. Di Pierro e con l’art direction di Zup Design, MOSTRO si avvale della collaborazione del Laboratorio Formentini per l’editoria, di Arjowiggings Creative Papers, di Grafiche Paciotti e di VISCOM ITALIA - la Mostra Convegno Internazionale di Comunicazione Visiva che prenderà il via il 12 ottobre, fil rouge ideale che lega il fuorisalone cittadino alla fiera.