Maker come mio nonno. L'abilità manuale riscoperta nell'era digitale

Classe 1972, romagnolo di nascita, reggiano d’adozione, si laurea in Architettura al Politecnico di Milano dopo un percorso di studi a Barcellona e presso la Domus Academy a Milano.
Per tre anni lavora tra Parigi e Bologna nello Studio Mario Cucinella e nello Studio Iosa Ghini.
Nel 2001 fonda BBStudio a Reggio Emilia con Andrea Bergianti.
Coordina il FabLab di Reggio Emilia, il primo in Emilia Romagna, un laboratorio in piccola scala che utilizza una serie di macchine controllate dal computer e gestite attraverso software Open Source facilmente accessibili per esplorare nuove forme di creatività da condividere in rete. Il potenziale per l’industria e l’artigianato è enorme, tanto che si parla di terza rivoluzione industriale.
Nato all’M.I.T. di Boston, Fab Lab si sta diffondendo in tutto il mondo e fonda la sua forza su una filosofia di azione locale attraverso un network internazionale di scambio e conoscenza. Vuole favorire la creatività e il DIY (do it yourself) attraverso l’accessibilità per tutti alle macchine di fabbricazione digitale.

E proprio questo sarà il tema affrontato da Francesco Bombardi assieme a Stefano Guerrieri al Creativity Day 2013 nel seminario Maker come mio nonno. L’abilità manuale riscoperta nell’era digitale (ore 15.00/15.45).

Fab come fabbricare, costruire, fare. Lab come laboratorio, bottega, officina dove sperimentare provarsi in qualcosa di nuovo. In questo luogo abbiamo riscoperto le nostre radici rispolverato i vecchi attrezzi e la soddisfazione nel costruire qualcosa da zero.
Perchè accontentarsi di progettare quando si può anche realizzare? i nuovi artigiani digitali danno corpo alle proprie idee e passano dalla grafica all’arredamento di Interni. Open source, km zero, ecologico.

Rispondi