Le fotografie lunari di Hasselblad a 50 anni dallo sbarco

Buzz Aldrin sulla superficie lunare

Poco dopo l’allunaggio del modulo lunare alla base della tranquillità, gli astronauti Aldrin e Armstrong a bordo della missione Apollo 11 indossarono le loro ingombranti tute spaziali e si calarono con attenzione sul terreno polveroso del nostro satellite, diventando così i primi uomini a mettere piede su una superficie extraterrestre.

Naturalmente, gli strumenti scelti per registrare e documentare questa importante occasione rappresentavano le migliori tecnologie dell’epoca – compresa la macchina fotografica scelta, una Hasselblad.

 

Questa scelta fu il risultato di anni di stretta collaborazione tra il produttore di fotocamere svedese e la NASA – l’agenzia spaziale americana, per garantire che le sue fotocamere professionali di medio formato potessero sopportare i rigori di temperature intense, vibrazioni e ridotta gravità nello spazio. Non solo queste fotografie hanno fornito informazioni scientifiche, ma hanno dimostrato di essere meraviglie leggendarie riconosciute in tutto il mondo che rappresentano l’esistenza umana. Cinquant’anni dopo, il 20 luglio 2019, Hasselblad celebrerà con orgoglio il suo ruolo di “fotocamera lunare” scelta dalla NASA per la fotografia spaziale e, a maggior ragione, le fotocamere che documentano il momento storico dei primi uomini sulla Luna.

Si cominciò con le Mercury


Il viaggio di Hasselblad e della NASA iniziò insieme sette anni prima della missione Apollo 11 – nel 1962 durante il programma Mercury. Come appassionato di fotografia, il capitano di marina e pilota di missione Walter “Wally” Schirra possedeva già una Hasselblad 500C. Conoscendo l’alta qualità della fotocamera Hasselblad, Schirra suggerì alla NASA di utilizzare una Hasselblad per documentare lo spazio, poiché il modello di fotocamera precedente utilizzava risultati deludenti. Dopo aver acquistato alcune 500C, è seguito un programma di perdita di peso che include la rimozione del rivestimento in pelle, dell’otturatore ausiliario, dello specchio reflex e del mirino.

Walter Schirra con la Hasselblad 500C

Fu costruito un nuovo scomparto pellicole per consentire 70 esposizioni invece delle 12 abituali. Infine, una verniciatura esterna nera opaca ridusse al minimo i riflessi nella finestra dell’orbita. La snella Hasselblad si sarebbe trovata nel carico utile per Mercury 8 (MA-8) nell’ottobre 1962. Il successo e l’alta qualità delle immagini di Schirra catturate attraverso le sue sei orbite della Terra avrebbe aperto un nuovo capitolo nella storia di Hasselblad e una lunga, stretta e reciprocamente vantaggiosa collaborazione tra l’agenzia spaziale americana e il produttore svedese.

La fotocamera lunare


Un momento considerato ormai iconico quello della discesa dell’Apollo 11 e dell’esplorazione della superficie lunare. Sulla superficie è stata portata una Hasselblad Data Camera (HDC) dotata di un obiettivo Zeiss Biogon 60 mm ƒ/5,6 con pellicole da 70 mm Kodak a base sottile appositamente formulate, che consentirono di ottenere 200 immagini per caricatore. Una seconda fotocamera elettrica Hasselblad (HEC) con un obiettivo Zeiss Planar 80mm ƒ/2,8 fu stata usata per scattare da dentro il modulo lunare Eagle.

Nell’HDC fu installata una piastra Réseau, che imprimeva segni incrociati otticamente fissi che consentivano di effettuare misurazioni fotogrammetriche dal negativo risultante. L’HDC è stato specificamente progettato per far fronte ai rigori della superficie lunare; è stato verniciato in argento per stabilizzare la fotocamera quando ci si muove tra temperature che vanno da -65° a oltre 120° C.

Neil Armstrong realizzò da solo tutte le fotografie sulla superficie lunare con questa HDC attaccata al petto, che non era mai stata testata nello spazio prima d’ora: l’unica fotocamera Hasselblad avrebbe catturato i risultati che tutti speravano?

Lavorando perfettamente nelle condizioni estreme della superficie lunare, la HDC ha prodotto alcune delle fotografie più iconiche della storia. Dopo il successo delle riprese del 21 luglio 1969, la Hasselblad fu issata al lander lunare. Dopo aver rimosso in modo sicuro i caricatori delle pellicole, entrambe le fotocamere con obiettivi e accessori di supporto ausiliari, insieme ad altri strumenti di raccolta, componenti e rifiuti sono stati scartati al fine di soddisfare i margini di peso ridotto per un ritorno di successo. Le cinque missioni Apollo che si sono concluse con successo, avrebbero ripetuto questa pratica, per un totale di 12 corpi macchina Hasselblad con obiettivi, ancora oggi presenti sulla superficie lunare.

La collaborazione sarebbe continuata fino al 21° secolo, con le fotocamere Hasselblad continuamente aggiornate che sono parte vitale del volo spaziale con equipaggio e del programma Shuttle.

Con ogni sviluppo gestito congiuntamente dagli ingegneri della NASA e dal team di produzione di precisione di Hasselblad, i risultati condivisi sarebbero andati a vantaggio anche del produttore. Caratteristiche come le superfici di controllo ingrandite progettate per ingombranti guanti per tute spaziali avrebbero portato a modifiche nella progettazione dei sistemi di fotocamere professionali Hasselblad, mentre alle missioni successive sarebbe stato concesso il sistema di misurazione interna accurato sui modelli di fotocamere successive.