L’aereo elettrico di Easyjet

Aereo elettrico Easyjet

Da una collaborazione tra la compagnia aerea EasyJet e Wright Electric, ecco il prototipo del nuovo aeremobile elettrico di linea. Wright Electric sta lavorando per sviluppare, entro i prossimi dieci anni, il primo aeromobile completamente elettrico con l’obiettivo ancora più ambizioso che ogni volo a corto raggio possa essere a emissione zero entro i prossimi 20 anni. Lo scopo principale dell’azienda è quello di creare un aeromobile con un’autonomia di 540 km, distanza entro la quale avviene il 20% dei collegamenti del network di easyJet.

Wright Electric ha già presentato il primo aereo elettrico a due posti, dimostrando come la tecnologia funzioni su una scala minore. Ora l’azienda vuole dimostrare che la tecnologia può essere in realtà proporzionata ad aeromobili di maggiori dimensioni. La batteria all’interno dell’aeromobile a due posti pesa circa 270 kg; adattandola, Wright Electric creerà una batteria molto più leggera rispetto a quelle disponibili oggi.

EasyJet ha annunciato questa collaborazione come parte della propria strategia, che mira a ridurre ed eliminare le emissioni e diminuire l’impatto acustico durante le fasi di decollo e di atterraggio. Dal 2000 le emissioni di easyJet sono diminuite di oltre il 31%, da 116.2 grammi a 79.98 grammi per passeggero – chilometro nel 2016. L’obiettivo di easyJet è quello di ridurre l’emissione a 72 grammi entro il 2022, che significherebbe una riduzione del 10% dalla performance attuale e un miglioramento del 38% dal 2000.

aereo elettrico

“Insieme a Wright Electric condividiamo l’ambizione di rendere il settore dell’aviazione più sostenibile. Proprio come abbiamo visto con l’automotive, l’industria del trasporto aereo sfrutterà la tecnologia elettrica per ridurre l’impatto ambietale” commenta Carolyn McCall, CEO di easyJet “per la prima volta possiamo guardare ad un futuro senza carburante e siamo entusiasti di farne parte. Ora si tratta solo di capire quando, e non se, un aereo elettrico a corto raggio potrà volare.”

Wright Electric è stata fondata nel 2016 da un team di ingegneri aerospaziali, esperti di propulsione ed elettrochimica con l’intento di ridurre il riscaldamento globale grazie all’aviazione elettrica. I componenti del team di Wright Electric provengono dalla NASA, da Boeing e da Cessna e hanno costruito aeromobili in 12 modelli di omologazione in tutto il mondo. Wright Electric viene principalmente finanziata dall’Università di Harvard, dal Commonwealth del Massachussetts e da Y Combinator.

“Lavorare insieme ad easyJet per sviluppare la prossima generazione del viaggio aereo è una conferma molto importante del nostro approccio alla tecnologia. Infatti, il loro contributo è stato inestimabile, considerando che il nostro scopo è quello di commercializzare i nostri aeromobili elettrici per voli a corto raggio, mercato sempre più in crescita al giorno d’oggi. Il team di easyJet ha fornito ai nostri ingegneri consigli preziosi riguardo gli aspetti critici necessari per gestire una compagnia aerea di successo, partendo dalla manutenzione fino al revenue management; siamo entusiasti di poter continuare a collaborare nei prossimi anni” ha poi aggiunto Jeffrey Engler, CEO e fondatore di Wright Electric.

L’aeromobile Wright Electric è progettato specificamente per voli a corto raggio, caratteristica perfettamente in linea con i collegamenti di easyJet dove il volo medio dura meno di due ore. Molte tratte importanti come la Londra–Amsterdam, la Londra–Parigi potranno essere coperte da un aeromobile elettrico, eliminando sia le emissioni sia il rumore.

La Settimana Grafica

Iscriviti alla Settimana Grafica

Rimani aggiornato su tutto quello che accade nelle Arti Grafiche e nella comunicazione, iscriviti ora alla nostra newsletter settimanale.


ai sensi dell'art. 13 Reg. UE 2016/679 e acconsento al trattamento dei dati personali