La stampa Litografica

Le tecniche di stampa cambiarono radicalmente grazie all’avvento di questo tipo di stampa. La litografia permise per la prima volta di stampare senza parti a rilievo.

Se fin’ora si è trattato della stampa tipografica e calcografica, con tutti i tecnicismi e descrizione del caso.
A partire dal diciottesimo secolo il principio basilare fu quello della stampa a trasferimento diretto. Disegni, lettere o quant’altro, stampati su un supporto cartaceo attraverso un procedimento meccanico (torchio).

Nel 1796 un tedesco di nome Senefelder, sperimentò un metodo che permise di stampare con una matrice piana, senza parti ad incavo o rilievo (come avveniva in tipografia con le lettere, ad esempio).

Inizialmente chiamato con il nome di “stampa chimica su pietra” e poi giustamente come lo conosciamo oggi, *litografia*.

bq. Il principio è estremamente semplice: sfruttando un particolare tipo di pietra, opportunamente levigata e quindi disegnata con una matita grassa, ha la peculiarità di trattenere nelle parti non disegnate un sottile velo d’acqua, che il segno grasso invece respinge. Passando l’inchiostro sulla pietra così trattata, esso è respinto dalle parti inumidite e trattenuto dalle parti grasse. Al torchio, perciò il foglio di carta riceve direttamente solo l’inchiostro che si deposita sulle parti disegnate.

Era comparsa l’antenata della stampa off set, che in campo industriale si diffuse rapidamente e con cambiamenti anche sostanziali, come: la sostituzione della lastra in pietra con una di zinco, permettendo attorno al 1840 la costruzione delle prime macchine pianocilindriche.

1 comment
  1. Mi hanno detto che si può procedere con la stampa litografica adoperando delle lastre di alluminio satinate, in sostituzione della pietra litografica.
    E’ vero?
    Se è vero, potreste indicarmi dove acquistare delle lastre.
    In attesa di un Vostro cortese cenno di risconto, porgo distinti saluti.
    Patrizio Merighi

Comments are closed.


AmazonCommercial - Mascherine FFP2 certificate CE, filtraggio al 94% (confezione da 10)
  • Con certificazione CE da parte di un organismo notificato UE (numero 0099) che garantisce il rispetto degli standard europei di salute, sicurezza e protezione ambientale; confezionate in modo igienico per ulteriore sicurezza
  • Testate e approvate secondo gli standard FFP2 con un efficiente tasso di filtraggio superiore al 94%, intrappolano le particelle di dimensioni inferiori a 0,1 micron, inclusi i patogeni batterici
  • Design ad alta resistenza alla polvere, ideali da utilizzare a casa, al lavoro o all’esterno, proteggono da nebbia, foschia, tubi di scappamento delle auto, fumo passivo e altro
  • Realizzate con materiali di prima qualità, inclusi elastici delicati che non sfregano né irritano, possono essere facilmente appese al collo quando non si utilizzano. Create tenendo bene a mente sia la protezione che il comfort, grazie alla forma sagomata riducono la pressione sul viso
  • Il materiale morbido ed elastico intorno ai bordi delle mascherine aderisce al viso per impedire l’entrata di polvere, mentre i filtri stratificati in cotone ti permettono di respirare normalmente anche in ambienti caldi e umidi

Related Posts