La realtà virtuale arriva a Bologna con VRUMS

La realtà virtuale arriva a Bologna con VRUMS

La realtà virtuale rappresenta un linguaggio nuovo e diretto, che accorcerà le distanze fra cultura umanistica e cultura scientifico-tecnologica, grazie alle molteplici speculazioni cognitivo-intellettive che promette di potenziare.

LA SETTIMANA GRAFICA
ISCRIVITI ORA!

Le applicazioni di Realtà Virtuale toccano tutti gli ambiti del sapere e promettono di rivoluzionare ogni aspetto dell’esistenza umana, dall’apprendimento all’intrattenimento, dalla medicina al business. Se il Nord America e l’Asia stanno da tempo facendo i conti con questa nuova disciplina e strumento di conoscenza, l’Europa – e l’Italia in particolare – si presentano ancora in ritardo rispetto ai paesi più industrializzati: i centri per la realtà virtuale finora sorti appaiono settoriali e chiusi alla fruizione pubblica, decisamente poco integrati con la società civile.

Beyond the Castle: vivere il Castello Sforzesco in realtà virtuale

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO

Per questo il 29 novembre 2019 aprirà a Bologna VRUMS (Virtual Reality Rooms Italia), il primo centro in Italia per la promozione, la fruizione, lo studio e la divulgazione della Realtà Virtuale in ogni suo aspetto; nasce dall’esperienza interdisciplinare di professionisti della comunicazione e delle nuove tecnologie, ricercatori in campo socio-sanitario e Vitruvio Virtual Museum – marchio che dal 2015 realizza esperienze di realtà virtuale per l’arte e la cultura, già esposte in numerosi musei italiani – con l’intento di accorciare le distanze fra i diversi settori che potenzialmente possono interagire con lo strumento della Realtà Virtuale.

La struttura sarà un punto di riferimento per lo sviluppo di nuove sinergie e ricerche che vedranno l’applicazione della realtà virtuale a diversi comparti dell’economia: dal gaming alla sanità, fino ad arrivare alla cultura e al cinema, le tecnologie altamente all’avanguardia sviluppate da VRUMS saranno al servizio di tutti i settori.

Sarà un centro di ricerca sperimentale permanente sulle applicazioni VR in campo medico-psicologico e delle più avanzate discipline comportamentali umane correlate alle politiche pubbliche. Collaborerà con i maggiori centri di ricerca a livello mondiale nei settori specifici. Sarà inoltre un Centro di Formazione aperto a studenti e insegnanti di ogni ordine e grado, con attività specificamente progettate, a diretto contatto con il corpo docente.

Un polo giochi con più di 100 titoli in costante aggiornamento distribuiti su 10 postazioni interattive tra simulatori per la guida e pedane di movimento per action games ed un’arena multiplayer per 4 giocatori. A completare la proposta Intrattenimento, inoltre, 6 postazioni per il cinema ed esperienze artistiche,

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO

Così come i 280 metri quadri della struttura potranno essere utilizzati per attività di Team Building.

Oculus Go Visore All-in-one, 32 GB
  • Vr Autonomo - Nessun Dispositivo Aggiuntivo Richiesto In Vr (Oculus Go Richiede L'App Oculus Companion, Scaricabile Gratuitamente Dallo Store Ios E Android Su Smartphone)
  • Visore Leggero - Progettato Con Tessuti Innovativi E Traspiranti. Design Innovativo In Spugna Realizzato Per Atleti Professionisti
  • Wide Quad, Lcd Ad Aggiornamento Rapido - Migliora Sensibilmente La Chiarezza Visiva E Riduce L'Effetto Screen-Door
  • Oculus Di Ultima Generazione - Oculus Offre Un Ampio Campo Visivo Con Portabilita’ Leggerissima, Spatial Audio Integrato – Gli Altoparlanti Integrati Nell'Auricolare Trasportano Direttamente In Vr E Rendono Semplicissimo Condividere L’Esperienza

Ultimo aggiornamento 2024-03-29

Related Posts
La nuova Legge UE per l'intelligenza artificiale
Leggi di più

La nuova Legge Europea per l’intelligenza artificiale

L'Europarlamento ha approvato una legge rivoluzionaria sull'intelligenza artificiale (IA), stabilendo nuovi standard normativi che vietano specifiche applicazioni di IA. Questo include il divieto di sistemi di categorizzazione biometrica e l'acquisizione massiva di immagini facciali dal web o da videocamere di sicurezza per creare database destinati al riconoscimento facciale. Inoltre, la legislazione proibisce l'uso di tecnologie per l'analisi delle emozioni nei luoghi di lavoro e nelle istituzioni scolastiche, nonché l'implementazione di sistemi di valutazione sociale e metodi di polizia predittiva.