La lettura dei libri in Italia crolla durante la pandemia

lettura dei libri in italia

Dopo un timido segnale registrato sul finire dello scorso anno, la lettura dei libri in Italia è tornata a crollare – complice il confinamento dovuto alla pandemia, i lettori sono nuovamente crollati. Questo emerge dalla nuova indagine realizzata da Cepell-AIE e che registra un forte calo dei lettori di libri in Italia nonché una domanda di acquisto nettamente in calo, specie da parte di chi prima della crisi leggeva più di 12 libri l’anno.

Dall’Indagine Cepell-AIE in collaborazione di Pepe Research, a maggio del 2020 la percentuale di italiani (15-74 anni) che dichiarava di aver letto negli ultimi 12 mesi almeno un libro (compresi eBook e audiolibri) è in calo del 15% rispetto al marzo dell’anno precedente, attestandosi al 58%.

Il valore della lettura dei libri in Italia scende di altri 8 punti percentuali (50%) quando si prendono in considerazione solo le letture degli ultimi due mesi, ovvero marzo e aprile. Chi non ha letto libri a marzo e aprile è il 50% della popolazione, mentre su base annua questa stessa percentuale è del 42%. Parliamo dello stesso bacino di persone dove, indipentemente dall’età la lettura della stampa periodica si aggira mediamente sul 30% della popolazione.

“I numeri dell’indagine Cepell-AIE confermano le criticità per la lettura e la filiera del libro, indispensabili per la crescita, culturale ed economica, del Paese – ha spiegato Paola Passarelli, Direzione generale Biblioteche e diritto d’autore del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo –. Il governo è consapevole di ciò e per questo ha dato una significativa risposta prevedendo interventi diretti sulla domanda come ad esempio il fondo per gli acquisti di libri da parte delle biblioteche pubbliche e la carta della cultura per le famiglie bisognose”.

Leggere un libro è un’attività a cui gli italiani dedicano prevalentemente meno di un’ora al giorno, con valori in diminuzione nell’ultimo anno, mentre la televisione, il telefono, whatsapp, i social network sono tutte attività che mediamente impegnano per più di 60 minuti, con valori in crescita. Quasi la metà di chi non ha letto durante il confinamento (47%) dichiara che il motivo è stato la mancanza di tempo, il 35% la mancanza di spazi in casa dove concentrarsi, il 33% le preoccupazioni, il 32% ha sostituito i libri con le news.

“Il quadro della lettura dei libri in Italia è allarmante – dichiara il presidente dell’Associazione Italiana Editori Ricardo Franco Levi –. Sostegno alla domanda pubblica e privata di libri, contrasto alla povertà educativa, aiuti diretti a piccoli editori e librai e alle iniziative che più hanno subito i contraccolpi del distanziamento sociale, come Fiere, Festival e mostre, sono misure necessarie: chiediamo al Governo e al Parlamento, che con i primi provvedimenti adottati hanno dimostrato sensibilità sul tema, di proseguire in questa direzione”.

Le città italiane che leggono di più secondo Amazon

I dati raccolti a maggio mostrano inoltre come si sia ridotto il numero di lettori che hanno acquistato libri nei 12 mesi precedenti (sono il 35% nel 2020, erano il 63% nel 2019) e che il mercato rischia una pesante flessione a causa del comportamento dei forti lettori. Gli acquirenti che si definiscono forti lettori passano infatti da 4,4 milioni a 3,5 milioni, con una flessione del 20%. A maggio 2020, i forti lettori hanno acquistato nei 12 mesi precedenti 30,2 milioni di copie, in calo del 45% rispetto al dato di fine 2019 (51,4 milioni di copie).

I bestseller su Amazon Italia

Ultimo aggiornamento 2020-03-21