Il meglio del 2015: libri sul graphic design

Ancora libri: testi freschi di stampa, usciti negli ultimi 12 mesi, su graphic design, vita da freelance e creatività in senso lato. Testi fondamentali che, intenzionalmente, offrano solo marginalmente uno showcase di lavori bellissimi ma invitino, soprattutto, ad un profondo ragionamento teorico sulle basi di questo mestiere.

Graphic Design: The New Basics di E. Lupton e J.C. Philips

Graphic Design: The New Basics di E. Lupton e J.C. Philips

Sette anni dopo il primo Graphic Design: The New Basics, è uscito lo scorso luglio la versione aggiornata e ampliata. Molti i nuovi argomenti trattati dal testo: tipografia, infografica, principi della Gestalt e nuovissimi materiali su Colori, Gerarchia e Griglie. Il volume si arricchisce con oltre 80 pagine di nuovi contenuti e parecchio materiale didattico.

Creative Anarchy: How to Break the Rules of Graphic Design for Creative Success di D. Bosler

Creative Anarchy: How to Break the Rules of Graphic Design for Creative Success di D. Bosler

Stufi di sentirvi dire “segui le regole”, “colora tra le linee” o “non usare più di due caratteri per un progetto”? Questo libro fa per voi: Denise Bosler, pur partendo dalle fondamentali regole del design (per rompere le regole, bisogna prima conoscerle!), propone ispirazioni, esercizi e consigli per imparare ad usare – o non usare – i principi del design. Un volume ricco di esempi visivi e diviso per applicazioni (poster, logo, siti web, pubblicità, editoria, eccetera), perfetto per imparare a spingersi consapevolmente oltre i confini.

Becoming a Graphic & Digital Designer: A Guide to Careers in Design di S. Heller

Becoming a Graphic & Digital Designer: A Guide to Careers in Design di S. Heller

Un testo rivolto in particolare ai più giovani ma, perché no, ricco di ispirazioni e spunti di riflessione anche per chi ha già qualche anno di professione sulla schiena. Moltissimi i contenuti, e di vario genere: dagli aspetti più culturali (educazione al design, creatività, tipi di carriera) a quelli più pratici (preparare un portfolio, ricercare ispirazione, farsi notare). Completano il volume importanti interviste ricche di consigli da parte di alcuni dei più grandi designer contemporanei, inclusi Michael Bierut e Stefan Sagmeister.

Graphic Design Visionaries di C. Roberts

Graphic Design Visionaries di C. Roberts

La storia del graphic design dagli anni ’50 ad oggi, raccontata attraverso le vite, i lavori e i racconti di 75 dei più grandi designer contemporanei in ogni campo: dal design ai poster, dai film alla tipografia, dalla scuola svizzera all’antimodernismo.

Manuals 2 di T. Brook e A. Shaughnessy

Manuals 2 di T. Brook e A. Shaughnessy

Dopo il grande successo di Manuals 1, Unit Editions pubblica finalmente una seconda raccolta con 20 nuovi esempi di manuali d’identità di aziende statunitensi ed europee: IBM, Bell, Knoll, Montreal Olympics, solo per citarne alcune. Il volume è ricco di fotografie e accurate descrizioni, e si completa con alcuni saggi e interviste ai più grandi esperti internazionali di identity design. 

How to use graphic design to sell things, explain things, make things look better, make people laugh, make people cry, and (every once in a while) change the world

How to use graphic design to sell things, explain things, make things look better, make people laugh, make people cry, and (every once in a while) change the world di M. Bierut

Michael Bierut non ha bisogno di presentazioni: è uno dei più influenti designer viventi, è docente a Yale, ha lavorato con Vignelli e Pentagram, vincendo a mani basse qualunque premio disponibile nel panorama internazionale. Questo testo è per metà il suo manifesto creativo e per metà la sua biografia professionale. Bierut racconta nei particolari oltre 30 dei suoi migliori progetti: dal briefing al processo creativo, dal suo lavoro quotidiano alla relazione col cliente. Una case-history onesta, dettagliata e d’ispirazione.

Rispondi