Il manifesto perfetto in 5 mosse

Cos’è un manifesto, a cosa serve e come dovrebbe essere realizzato: segui i consigli di una tra le maggiori tipografie online in Italia.

Quando parliamo di manifesto intendiamo un foglio stampato, anche di grandi dimensioni, che ha lo scopo di promuovere e informare il pubblico su un avvenimento o un prodotto. Nella maggior parte dei casi ha orientamento verticale. A volte viene chiamato anche locandina o cartellone a seconda delle dimensioni della stampa.

Realizzare un manifesto informativo chiaro e comprensibile da tutti, però, non è una cosa così semplice. Esistono diversi fattori da considerare quando si crea un supporto di questo tipo: ecco quindi le 5 linee guida da seguire per creare un manifesto a regola d’arte.

1) Concentrati sul tuo obiettivo


Cosa vuoi dire con il tuo manifesto? Fa in modo che lo scopo della tua pubblicazione sia evidente fin da subito. Il titolo, ad esempio, dovrebbe già mettere bene in chiaro di cosa vuoi parlare: devi tener presente che è la prima cosa a essere letta dal tuo pubblico (e spesso l’unica). Se nel corpo del tuo manifesto prevedi altro contenuto informativo, fai in modo che sia semplice, con poche frasi e di breve lunghezza.

Vuoi che chi legga il tuo manifesto faccia qualcosa in particolare? Non avere paura di inserire una Call To Action chiara: chiama il numero, visita il sito, vieni in negozio, partecipa all’evento ecc. Un invito all’azione definito ti aiuterà a raggiungere più facilmente i tuoi obiettivi.

circo2

2) Fa in modo che sia visibile


Probabilmente il tuo manifesto sarà in un luogo pubblico, come la parete o la porta di un locale oppure negli spazi adibiti all’affissione pubblica (lungo le strade o nelle piazze). È fondamentale che il tuo elaborato grafico sia visibile e leggibile anche da lontano.

Strutturalo in modo da rendere evidenti i vari livelli di lettura:

  • Il titolo dovrà essere l’elemento più chiaro di tutti (e quindi il più grande): deve attirare l’attenzione dei passanti e spiccare rispetto agli altri messaggi vicini. Puoi usare elementi grafici e colori a tuo vantaggio.

  • I dettagli sono il secondo livello di lettura e danno quelle informazioni in più di cui il pubblico ha bisogno. Inserisci in questo spazio più dettagli riguardanti il tuo evento, la tua promozione o il tuo prodotto. Di norma la dimensione del carattere dovrebbe essere dimezzata rispetto a quella del titolo, ma puoi ricorrere a un colore diverso o diminuire di poco il corpo del testo.

  • Ammenda di stampa: sono gli elementi testuali finali che non puoi non inserire ma non danno informazioni così importanti. Nelle locandine dei film, per esempio, è il testo finale a fondo foglio. Se devi inserirli fallo, ma non esagerare con la quantità di testo e la dimensione del font.

3) Cattura l’attenzione


Come già detto il tuo manifesto probabilmente sarà appeso in un luogo pubblico, sotto gli sguardi di diverse persone, però vicino a tanti altri cartelloni e poster. Probabilmente però saprai già in che luoghi sarà affisso: sfrutta questo fattore per distinguerti. Struttura la grafica del tuo manifesto in modo che sia ben evidente e spicchi tra gli altri.

Gioca con i font, aumenta i contrasti, scegli sapientemente i colori e gli spazi bianchi: fai diverse prove e vedi quale funziona meglio, non fermarti al primo tentativo.

4) Crea diversi formati per i diversi mezzi


Una delle regole fondamentali del marketing è che un individuo deve essere esposto almeno 20 volte a un messaggio per ricordarlo. Come puoi usare questa regola a tuo vantaggio? Oltre al manifesto crea altri formati per altrettanti supporti come: una cartolina, un volantino da distribuire a mano. Puoi sfruttare anche i media digitali e quindi prevedere delle immagini del tuo manifesto per i social network, il tuo sito o una newsletter.

5) La Call To Action


Ne abbiamo parlato nel primo punto, ma l’invito all’azione (la Call To Action appunto) è veramente importante anche su un manifesto. Siamo sempre più abituati a considerarlo uno strumento dei formati digitali (form e newsletter) quando in realtà già esisteva nella carta stampata. In un supporto cartaceo potrebbe non essere così facile inserire una call to action ma basta sapere cosa vuoi che faccia il tuo pubblico una volta visto il tuo manifesto per poterne creare una di efficace.

Su un poster di un evento potresti chiedere di mandare una mail o fare una telefonata per riservare un tavolo. Su un manifesto che ha lo scopo di presentare un prodotto o un servizio potresti inserire un QR code che rimandi al sito o a un’applicazione.

circo3

Affidati a dei professionisti della stampa digitale


Se ti occupi di questo tipo di comunicazione puoi affidare la stampa del tuo manifesto a 4Graph che oltre a offrirti una qualità di stampa eccellente, ti dà la possibilità di avere un check gratuito del tuo file e la garanzia soddisfatti o ristampati.

Che tu debba stampare dei biglietti da visita o un banner di grande formato, dalla Val D’Aosta alla Sicilia, scegli 4Graph: il sistema di stampa online più conveniente per qualità, costi e tempi.

Rispondi