The Dirtiest Porn Ever

Guardi un porno e salvi gli oceani

The Dirtiest Porn Ever è un porno su una delle spiagge più inquinate al mondo. Guardarlo per interno contribuirà a salvare gli oceani dall’inquinamento.

LA SETTIMANA GRAFICA
ISCRIVITI ORA!

Se anche voi come me avete un’amica che vi sta ossessionando sulla plastica che consumate e che ogni due per tre vi manda i video del nuovo paladino dell’ambiente Leonardo DiCaprio, o più semplicemente ogni volta che vedete una fotografia di Greta Thunberg vi sentite in colpa.

La prima piattaforma mondiale di video hard – PornHub, ha lanciato da alcune ore la campagna “Dirtiest Porn Ever” e donerà dei soldi ad un’organizzazione che si occupa di ripulire spiagge e mari di tutto il mondo dai rifiuti.

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO

Leolulu, una delle coppie amatoriali più popolari su internet, ha girato su una delle spiagge più sporche del mondo un video hard (sopra il teaser diffuso su YouTube) ed ogni volta che qualcuno guarderà per intero il video, l’azienda farà una donazione a Ocean Polymers, un’organizzazione no-profit che ha sviluppato una soluzione per raccogliere e trattare i rifiuti plastici negli oceani e nei mari del mondo.

Il video è tristemente reale e va ben oltre l’ovvio sesso ma mostra come la plastica ed i rifiuti possano rovinare una scena altrimenti bella, il video Dirtiest Porn Ever presenta la coppia amatoriale che fa sesso sulla spiaggia tra montagne di rifiuti che ostruiscono la vista delle nudità della coppia.

Dopo pochi minuti, una squadra di pulizia inizia a ripulire la spiaggia, rivelando lentamente Leo e Lulu in tutte le loro capacità attoriali.

The Dirtiest Porn Ever

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO

Quindi se anche voi pensate che le 12,7 milioni di tonnellate di plastica che ora giacciono nelle profondità dei nostri oceani siano veramente troppe, date un’occhiata di 11 minuti a questo video, per intero.

Related Posts
La nuova Legge UE per l'intelligenza artificiale
Leggi di più

La nuova Legge Europea per l’intelligenza artificiale

L'Europarlamento ha approvato una legge rivoluzionaria sull'intelligenza artificiale (IA), stabilendo nuovi standard normativi che vietano specifiche applicazioni di IA. Questo include il divieto di sistemi di categorizzazione biometrica e l'acquisizione massiva di immagini facciali dal web o da videocamere di sicurezza per creare database destinati al riconoscimento facciale. Inoltre, la legislazione proibisce l'uso di tecnologie per l'analisi delle emozioni nei luoghi di lavoro e nelle istituzioni scolastiche, nonché l'implementazione di sistemi di valutazione sociale e metodi di polizia predittiva.