Graphic Means: A History of Graphic Design Production

Graphic Means: quando la grafica era fatta a mano, prima del computer

Il documentario Graphic Means: A History of Graphic Design Production realizzato nel 2017 in Italia è passato decisamente in sordina; ma il lavoro realizzato da Briar Levit è una di quelle cose che un grafico, di oggi, non dovrebbe perdersi. Utilizzando rari filmati d’archivio e interviste, questo documentario rivela la storia nascosta dell’industria del graphic design.

Sono passati oltre 30 anni da quando il computer desktop ha rivoluzionato il modo di lavorare dell’industria grafica. Una storia iniziata appunto decenni prima che ogni scrivania avesse un computer – prima dell’avvento del Desktop Publishing (DTP) erano le mani di operai laboriosi e strumenti ingegnosi a mettere insieme caratteri e immagini. Graphic Means esplora i rapidi cambiamenti nel design dalla metà del ventesimo secolo fino agli anni Novanta – dal linecaster alla fotocomposizione, fino al PDF.

Graphic Means: A History of Graphic Design Production

“Ho pensato che se già io so molto poco di questo mondo, come qualcuno che ha iniziato alla fine degli anni 1990, allora i giovani designer di oggi non sanno quasi nulla”, dice il regista Briar Levit. “Ecco perché ho deciso che avevo davvero bisogno di fare questo film”.

Levit e il suo team hanno trascorso anni in giro per gli Stati Uniti e il Regno Unito, intervistando leggende del design come Ellen Lupton, una designer formatasi a lavorare manualmente, e ora stimata scrittrice ed educatrice di design; Art Chantry, che usa ancora tecniche analogiche per realizzare poster e copertine di album; e Adrian Shaugnessy, editore dei libri di design Unit Editions.

Scavando negli archivi, nelle biblioteche universitarie e persino nei negozi dell’usato per scoprire strumenti e materiali dimenticati, Graphic Means offre agli spettatori uno sguardo sulla storia dell’industria del design in continua evoluzione e su ciò che è in serbo per il futuro.

Sebbene il design sia più popolare che mai, con innumerevoli libri e riviste dedicate alle sue nuove tendenze e migliaia di studenti che sperano di entrare in questo settore ogni anno, la sua storia è stata finora ampiamente ignorata.

Questo è un film imperdibile per chiunque ami il design, l’arte, la storia o tutti e tre. Su Vimeo è possibile “affittarlo” o acquistarlo.


Offerta
2022 Apple PC Portatile MacBook Pro con chip M2: display Retina 13", 8GB di RAM, 256GB ​​di archiviazione ​​​​​SSD ​​​​​​​Touch Bar, tastiera retroilluminata; color​​​​​​​ Grigio siderale
  • CON I SUPERPOTERI DI M2 - MacBook Pro 13" è una potenza portatile. Con la nuovissima CPU 8-core, una GPU 10-core e fino a 24GB di memoria unificata, puoi fare di più a tutta velocità.
  • FINO A 20 ORE DI BATTERIA - Grazie alle prestazioni efficienti del chip Apple M2, MacBook Pro ti sta dietro giorno e notte.
  • PRONTO AI LAVORI PIÙ IMPEGNATIVI - Grazie al sistema di raffreddamento attivo, MacBook Pro 13" può sostenere livelli di performance professionali senza fare una piega. Così tu puoi spingere al massimo la CPU e la GPU per tutto il tempo che ti serve.
  • DISPLAY SPETTACOLARE - Display Retina da 13,3" con luminosità di 500 nit e ampia gamma cromatica P3, per immagini brillanti e dettagli incredibili.
  • VIDEOCAMERA HD E MICROFONI DI LIVELLO PROFESSIONALE - Videocamera FaceTime HD a 1080p e tre microfoni in array: una gioia per gli occhi e per le orecchie.

Related Posts
La grafica che cos'è?
Leggi di più

La grafica che cos’è?

La grafica è l’arte e la scienza dell’elaborazione visiva delle informazioni. Si tratta di un modo per comunicare…