I fondatori di Canva

Fare il grafico online con Canva che oggi vale 1 miliardo

Grazie all’ultimo investimento di 40 milioni di dollari realizzato da Sequoia China, Canva, il servizio online di progettazione grafica (as a service) ha raggiunto ormai un valore di 1 miliardo di dollari.

Per chi si fosse perso qualche puntata… Canva è un servizio online globale nato dall’idea di Melanie Perkins scaturita quando insegnava come utilizzare programmi di progettazione grafica all’università, riscontrando difficoltà da parte degli studenti a impararne le basi. In collaborazione con il cofondatore Cliff Obrecht, lanciò per primo Fusion Books, strumento di progettazione online che studenti e insegnanti potevano utilizzare per creare facilmente annuari. Ben presto i due, con l’aiuto del terzo fondatore – Cameron Adams, realizzarono la tecnologia alla base di Canva per essere sfruttata su scala più vasta.

Nel 2013 il lancio online: 5 anni dopo Canva ha ricevuto investimenti per svariati milioni di dollari da Blackbird Ventures, Felicis Ventures e per ultima Sequoia China appunto, per portarla oggi ad essere una piattaforma localizzata in tutto il mondo e con milioni di clienti paganti.

“Il nostro obiettivo è aiutare le persone a progettare qualsiasi cosa e pubblicarla ovunque”, dice Melanie Perkins. Anche se il suo obiettivo rimane quello di permettere a tutti i 3,2 miliardi di utenti internet di fare grafica con Canva. Non c’è nulla di sbagliato nell’obiettivo di democratizzare la progettazione grafica.

Canva

Perkins ha sottolineato come Canva fornisca strumenti di progettazione per le persone che non sono grafici, di professione. Adobe, il mostro del mercato del design, ha una suite di strumenti software incredibilmente potenti, ma incredibilmente difficili da padroneggiare, ha ribadito Perkins, e Canva spera di semplificare il processo di creazione di risorse visive per le persone che non possono dedicare la loro vita ad imparare i contenuti del software di Adobe.

Non sono solo InDesign, Photoshop e Illustrator che i servizi Canva stanno cercando di rovesciare, ma anche l’egemonia della suite per ufficio di Microsoft, dice Perkins. E il primo obiettivo della sua azienda è PowerPoint.

E giusto ieri sulla nostra pagina Facebook citavamo questa frase di Vignelli.

[miptheme_quote author=”Massimo Vignelli” style=”text-left”]Ci sono troppe persone senza nessuna preparazione che si occupano di graphic design. E siccome hanno un computer, non c’è limite alle cose che possono creare: newsletter, segnaletica e così via. È inquinamento! Non hanno la minima idea della dignità della professione. Se fossero case farmaceutiche saremmo tutti avvelenati. Ma siamo avvelenati comunque, visivamente[/miptheme_quote]

AmazonCommercial - Mascherine FFP2 certificate CE, filtraggio al 94% (confezione da 10)
  • Con certificazione CE da parte di un organismo notificato UE (numero 0099) che garantisce il rispetto degli standard europei di salute, sicurezza e protezione ambientale; confezionate in modo igienico per ulteriore sicurezza
  • Testate e approvate secondo gli standard FFP2 con un efficiente tasso di filtraggio superiore al 94%, intrappolano le particelle di dimensioni inferiori a 0,1 micron, inclusi i patogeni batterici
  • Design ad alta resistenza alla polvere, ideali da utilizzare a casa, al lavoro o all’esterno, proteggono da nebbia, foschia, tubi di scappamento delle auto, fumo passivo e altro
  • Realizzate con materiali di prima qualità, inclusi elastici delicati che non sfregano né irritano, possono essere facilmente appese al collo quando non si utilizzano. Create tenendo bene a mente sia la protezione che il comfort, grazie alla forma sagomata riducono la pressione sul viso
  • Il materiale morbido ed elastico intorno ai bordi delle mascherine aderisce al viso per impedire l’entrata di polvere, mentre i filtri stratificati in cotone ti permettono di respirare normalmente anche in ambienti caldi e umidi

Related Posts