Gli stili di vita fiorentini ed il bando per gli alunni

E se un comune, ipotizziamo Firenze, si servisse di scuole elementari e medie per trovare un logo? Così comincia la partecipazione creativa indetta dall’Amministrazione comunale del giglio, invitando gli studenti delle scuole medie e superiori ad impegnarsi direttamente sui nuovi stili di vita.

E se un comune, ipotizziamo Firenze, si servisse di scuole elementari e medie per trovare un logo?
Così comincia la partecipazione creativa indetta dall’Amministrazione comunale del giglio, invitando gli studenti delle scuole medie e superiori ad impegnarsi direttamente sui nuovi stili di vita.
E lo fa con un concorso di idee per trovare nome, logo e slogan per un progetto a cui stanno lavorando l’assessorato alla partecipazione democratica del Comune e lo Sportello Eco Equo e varie associazioni e che prevede il coinvolgimento di famiglie, singoli e gruppi conviventi, che saranno chiamati a modificare i propri stili di vita in alcuni ambiti: dalla riduzione dei rifiuti al risparmio energetico e idrico, dalla mobilità all’alimentazione, dal consumo critico alla finanza etica, al turismo responsabile.

L’iniziativa, è stata presentata lo scorso 4 ottobre dall’assessore alla partecipazione e ai nuovi stili di vita Cristina Bevilacqua agli studenti del liceo artistico Leon Battista Alberti. Insieme all’assessore erano presenti anche il Vicepreside del liceo Alberti, Giuseppe Ruffa, gli insegnanti di diverse materie e rappresentanti delle associazioni AIAB e Villaggio dei Popoli.

“E’ proprio dagli stili di vita sostenibili adottati ogni giorno nella vita quotidiana che possiamo creare un mondo migliore – ha dichiarato Cristina Bevilacqua – rispettoso dell’ambiente naturale e dei principi di solidarietà ed equità sociale. Abbiamo pensato agli studenti che con la loro genialità e freschezza potranno aiutare a comunicare al meglio a tutti questi valori e i comportamenti conseguenti”.

L’assessore Bevilacqua ha spiegato agli studenti il senso dell’iniziativa sottolineando “che bere l’acqua del rubinetto, usare shopper di tela al posto di quelle di plastica, evitare consumi inutili, imparare a leggere le etichette e riconoscere i marchi e le certificazioni, differenziare i rifiuti e riutilizzare oggetti, adottare tecnologie e materiali per una casa più sana risparmiando energia, sono alcuni esempi di comportamenti consapevoli”.

Il progetto che si prevede di realizzare nel corso del prossimo anno prevede l’individuazione di un campione di famiglie, singoli, gruppi conviventi, indicativamente in numero compreso fra 1.000 e 1.500. I soggetti partecipanti saranno “individuati” su base volontaria; risponderanno ad un appello pubblico che sarà diffuso con capillarità dai mezzi di informazione.

Le azioni del progetto sono mirate su 8 tematiche: finanza etica,energia, alimentazione -tradizioni culturali – e salute, acqua, turismo responsabile, consumo consapevole, mobilità e rifiuti .
Il progetto che si basa su un esperimento rivolto ai tutti coloro che hanno deciso volontariamente di cambiare i propri stili di vita – ha sottolineato l’assessore Bevilacqua – modificando i propri consumi e orientandoli in senso più etico e rispettoso per l’ambiente, prevede una fase di informazione e sensibilizzazione secondo principi di solidarietà ed equità sociale.”

Il concorso presentato è rivolto alle classi di tutte le scuole medie e alle superiori della città, ha appunto l’obiettivo di trovare il nome del progetto, creare un logo da utilizzare per qualsiasi iniziativa di comunicazione e inventare uno slogan per comunicarne i contenuti.

Per valutare i lavori presentati verrà istituita un’apposita commissione composta da un esperto di comunicazione, un esperto di grafica, un giornalista, un membro designato dalle associazioni partecipanti al progetto, un rappresentante del Comune di Firenze.

La commissione assegnerà ad ogni elaborato un punteggio da 1 a 10 per ciascuno dei seguenti criteri: comunicatività, capacità di stimolare l’interesse dei soggetti partecipanti al progetto, capacità di rappresentare le finalità del progetto, originalità, sintesi, semplicità di riproduzione.

La graduatoria di merito sarà formata da tutti gli elaborati che avranno raggiunto il punteggio minimo complessivo di 30/60.
Sono previsti premi per le classi che avranno presentato i migliori elaborati. Il primo premio per la denominazione del progetto è un buono di acquisto di 800 euro per libri, materiale didattico e multimediale sui temi della sostenibilità ambientale, nuovi stili di vita e consumo critico. Per il logo più bello un premio di 35 magliette con il logo realizzato dalla classe ed un contributo per l’acquisto di libri.

Un contributo di 800 euro per una gita a scopo educativo e formativo, per la classe che avrà trovato il migliore slogan.
La domanda di partecipazione al concorso unitamente agli elaborati originali su tavole cartacee formato A4 a colori e in bianco e nero e supporti multimediali (floppy e/o cdrom/DVD) dovranno essere indirizzati a Comune di Firenze – Ufficio Partecipazione democratica, nuovi stili di vita e consumo critico via Pietrapiana, 53, 50122 Firenze e pervenire entro le ore 12 del 16 Novembre 2007 anche mediante consegna a mano. In ogni caso, fa fede il timbro dell’ufficio protocollo.

Il bando è consultabile sulla “Rete Civica del Comune di Firenze”:http://www.comune.fi.it/opencms/export/sites/retecivica/amm/atti_e_documenti/bandi/index.html, dove sarà pubblicato anche l’esito definitivo del concorso entro il 17 Dicembre 2007.

Related Posts