Getty Images acquisisce Corbis

La storica banca immagini Corbis dopo l’acquisizione da parte di VCG (Visual China Group) entra nella casa Getty Images; Getty Images diverrà distributore esclusivo dei contenuti Corbis in Italia a partire dal 2 maggio. Le immagini, i video e i contenuti storici e d’archivio di Corbis saranno disponibili insieme agli attuali 200 milioni di contenuti creative, editorial e video di Getty Images. Questo consentirà di accedere ad una offerta di contenuti senza precedenti.

LA SETTIMANA GRAFICA
ISCRIVITI ORA!

La partnership è nata in seguito all’annuncio della vendita dei marchi di Corbis alla Unity Glory International, affiliata di VCG, leader sul mercato cinese nel settore della comunicazione visiva e dei nuovi media. Secondo l’accordo di vendita, Unity Glory entrerà in possesso dei brand Corbis Images, Corbis Motion e Veer e di tutti i contenuti ad essi associati. L’accordo non include Branded Entertainment Network, Splash o Greenlight e i contenuti da essi rappresentati.

Questa partnership consente di riunire tutto il meglio nel settore della fotografia storica, unendo il rinomato Hulton Archive (il più grande archivio privato di immagini del mondo, con 80 milioni di immagini risalenti ai primi anni della fotografia) con gli archivi Bettmann e Sygma di Corbis. L’archivio Bettmann è una importante collezione di immagini storiche che include oltre 16 milioni di fotografie databili tra il XIX e il XX secolo mentre l’archivio Sygma contiene 34 milioni di immagini relative ai più importanti eventi storici europei.

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO

Per i clienti Corbis o Veer, per ora non cambierà nulla da punto di vista contrattuale.

Related Posts
La nuova Legge UE per l'intelligenza artificiale
Leggi di più

La nuova Legge Europea per l’intelligenza artificiale

L'Europarlamento ha approvato una legge rivoluzionaria sull'intelligenza artificiale (IA), stabilendo nuovi standard normativi che vietano specifiche applicazioni di IA. Questo include il divieto di sistemi di categorizzazione biometrica e l'acquisizione massiva di immagini facciali dal web o da videocamere di sicurezza per creare database destinati al riconoscimento facciale. Inoltre, la legislazione proibisce l'uso di tecnologie per l'analisi delle emozioni nei luoghi di lavoro e nelle istituzioni scolastiche, nonché l'implementazione di sistemi di valutazione sociale e metodi di polizia predittiva.