Nasce Flexible Working, la task force per aiutare le organizzazioni del Paese a far leva sullo Smartworking e proseguire le attività quotidiane

Far leva sullo Smartworking e proseguire le attività quotidiane

Nasce Flexible Working, la task force che riunisce 4ward, Durante, Far Networks, Lantech Longwave, Var Group, insieme a Cisco e Microsoft, per aiutare le organizzazioni del Paese a far leva sullo Smartworking e proseguire le attività quotidiane, senza arrestare servizi e business.

LA SETTIMANA GRAFICA
ISCRIVITI ORA!

Le misure adottate per la prevenzione del Coronavirus richiedono alle aziende e alle istituzioni di sperimentare forme di comunicazione remota e lavoro flessibile, consentendo ai collaboratori interni ed esterni di continuare a essere produttivi, garantendo i livelli di servizio e la continuità di business, nell’interesse della sostenibilità socio-economica delle singole organizzazioni e dell’intero Sistema Paese.

Il progetto solidale riunisce alcune delle migliori aziende italiane nel settore dello smartworking – 4ward, Durante, Far Networks, Lantech Longwave, Var Group – e alcune delle piattaforme globali – in primis Cisco e Microsoft – che hanno scelto di collaborare in questa fase per dare vita a una piattaforma informativa e di servizi, dove le organizzazioni del Paese possono trovare tutte le risorse utili – documentazione tecnica, metodologica e di utilizzo – per comprendere i vantaggi dello Smartworking e accedere a servizi d’installazione gratuiti messi a disposizione dall’ecosistema per adottare velocemente la migliore soluzione a seconda delle proprie esigenze. Oltre alle aziende promotrici, l’iniziativa è già stata estesa all’ampio canale di partner Microsoft e Cisco e beneficerà del supporto e della consulenza di oltre 40 player radicati sul territorio.

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO

L’iniziativa Flexible Working si basa sulla volontà di mettere a disposizione le conoscenze qualificate e le capacità acquisite negli anni da parte dei player coinvolti, con l’obiettivo di aiutare le organizzazioni a far fronte agli effetti del Coronavirus sulla collaborazione e sul business, in particolare per le organizzazioni localizzate in zone con mobilità limitata o con collaboratori/partner in difficoltà per gli spostamenti.

Nonostante lo smartworking sia un modello in crescita negli ultimi anni, utilizzato dal 58% delle grandi imprese e dal 12% delle PMI italiane ovvero 570.000 lavoratori (+20%, secondo le stime dell’Osservatorio Polimi), non tutte le aziende sono pronte ad adottare questa nuova modalità operativa e alcune di esse potrebbero avere la necessità di ricevere consigli e supporto per attivarlo. La piattaforma web Flexibleworking.it nasce proprio con l’obiettivo di fornire alle realtà meno preparate e avvezze al lavoro agile, informazioni e servizi, indicando i passi da compiere per sfruttarne subito i vantaggi ed essere libere di lavorare in modo nuovo.

Non solo, sono molteplici le realtà della PA e del settore Education che devono ancora muovere i primi passi verso modalità di lavoro e di insegnamento più smart e, soprattutto in questo momento in cui il mondo dell’Istruzione a tutti i livelli sta affrontando nuovo sfide e si rende necessario attuare rapidamente azioni di smart-schooling ed e-learning, l’ecosistema ICT italiano fa squadra per guidare questa transizione verso il digitale, grazie a innovative soluzioni di comunicazione e collaborazione a distanza.

Related Posts
La nuova Legge UE per l'intelligenza artificiale
Leggi di più

La nuova Legge Europea per l’intelligenza artificiale

L'Europarlamento ha approvato una legge rivoluzionaria sull'intelligenza artificiale (IA), stabilendo nuovi standard normativi che vietano specifiche applicazioni di IA. Questo include il divieto di sistemi di categorizzazione biometrica e l'acquisizione massiva di immagini facciali dal web o da videocamere di sicurezza per creare database destinati al riconoscimento facciale. Inoltre, la legislazione proibisce l'uso di tecnologie per l'analisi delle emozioni nei luoghi di lavoro e nelle istituzioni scolastiche, nonché l'implementazione di sistemi di valutazione sociale e metodi di polizia predittiva.