editoria sostenibilità finanziaria

Di cosa ha bisogno l’editoria online per raggiungere la sostenibilità finanziaria?

Navigare nell’ecosistema digitale delle notizie: strategie e riflessioni per la sostenibilità finanziaria degli editori

Il percorso verso la sostenibilità finanziaria per l’editoria online è un viaggio complesso, con gli editori che cercano di bilanciare innovazione e redditività. La sfida della monetizzazione dei contenuti digitali affligge il settore fin dai primi giorni di Internet, e per le nuove imprese è particolarmente complesso ritagliarsi uno spazio in un panorama già saturo. La sfida è quella di avere un’editoria con una sostenibilità finanziaria.

LA SETTIMANA GRAFICA
ISCRIVITI ORA!

Le recenti notizie di chiusure, come quella di Artifact e le difficoltà finanziarie di The Messenger, evidenziano la dura realtà che le piattaforme affrontano nel raggiungere la sostenibilità finanziaria.

Il salto innovativo e la rapida fine di Artifact

Lo scorso febbraio, il mondo dell’informazione digitale fu ammaliato dal lancio di Artifact1, un’iniziativa dei co-fondatori di Instagram Kevin Systrom e Mike Krieger. A differenza delle tradizionali app di notizie, Artifact ha catturato l’attenzione grazie al suo approccio basato sull’intelligenza artificiale per personalizzare le esperienze di notizie. Nonostante l’innovazione tecnologica, Artifact ha lottato per trovare una strategia di monetizzazione valida, nonostante le tasche profonde dei fondatori e l’attenzione mediatica.

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO

Quando il viaggio di un anno di Artifact si è avvicinato alla fine, i fondatori hanno preso una decisione coraggiosa. Consapevoli dell’ardua sfida di allineare il loro prodotto con un modello di business sostenibile in un mercato competitivo, hanno deciso di chiudere le attività. L’ammissione di Systrom, “Abbiamo sognato in grande ma ci siamo scontrati con la realtà del mercato” sottolinea la difficoltà di ritagliarsi uno spazio duraturo nelle notizie digitali, nonostante tecnologia all’avanguardia e fondatori di successo.

La chiusura di Artifact è sia un momento di riflessione che una fonte di ispirazione. Dimostra come la tecnologia all’avanguardia e fondatori di successo non possano garantire la creazione di una piattaforma digitale duratura per i consumatori. Inoltre, evidenzia il potere e l’impegno duraturo dei marchi tradizionali delle notizie, che continuano a monetizzare e a catturare efficacemente il proprio pubblico.

The Messenger: un’aspirazione non realizzata

Un’altra piattaforma di notizie digitali che ha attirato l’attenzione è stata The Messenger, finanziata principalmente da Jimmy Finkelstein e lanciata nel maggio 2023. L’obiettivo di fornire notizie accurate e imparziali non ha impedito a The Messenger di trovarsi in difficoltà finanziarie, con licenziamenti2 e un finanziamento di 50 milioni di dollari quasi completamente esaurito. Le critiche all’approccio della piattaforma come eccessivamente ambizioso e datato sottolineano i rischi di un’espansione senza una chiara strategia di monetizzazione.

The Messenger non riuscirebbe a raggiungere la sostenibilità finanziaria e i problemi della piattaforma mettono in evidenza i rischi di una crescita eccessiva senza un piano di monetizzazione chiaro. Con un tasso di uscite mensili di 5 milioni di dollari e difficoltà a raggiungere il pareggio, il percorso di The Messenger evidenzia l’importanza di una pianificazione finanziaria attenta e di aspettative di crescita realistiche per le nuove imprese mediatiche.

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO

Anche Semafor, un’altra impresa recentemente lanciata e sostenuta da ingenti capitali, solleva dubbi sulla sua sostenibilità finanziaria. Pur avendo successo nel generare entrate, principalmente dagli eventi che organizza, resta incerto se riuscirà mai a raggiungere una sostenibilità finanziaria a lungo termine o se avrà bisogno di ulteriori finanziamenti per rimanere a galla.

strategia e sostenibilità finanziaria

Lezioni chiave da Il Post e Le Monde su strategia e sostenibilità finanziaria

Nonostante le sfide affrontate da piattaforme come Artifact e The Messenger, esistono esempi di imprese nel settore dell’informazione che hanno raggiunto la sostenibilità senza un immenso capitale iniziale.

L’italianissimo “Il Post” guidato dal direttore Luca Sofri (figlio di Adriano Sofri – ex leader di Lotta Continua), offre un caso unico di sostenibilità finanziaria. L’approccio del Post ha sfidato la convenzione che in Italia nessuno fosse intenzionato a pagare per leggere le notizie;

editoria sostenibilità finanziaria

Tra i fattori che hanno portato Il Post a essere un caso di scuola su come si possa o si debba fare un giornale digitale vi è la capacità di costruire e manutenere una community. Per dirla con le parole del fondatore e direttore Luca Sofri l’attitudine ad alimentare «un rapporto complice con i nostri lettori». Questa complicità si traduce oggi in oltre 60.000 abbonamenti, che consentono al giornale di non dipendere interamente dalla pubblicità, di avere risorse per ingrandire la redazione (circa 25 i giornalisti assunti) e di aggiungere prodotti per i propri lettori: oltre agli articoli, podcast, libri, eventi offline.

In questo caso, l’attenzione è rivolta alla qualità del giornalismo e al coinvolgimento dei lettori, piuttosto che a un accesso restrittivo o a una crescita insostenibile. Questo modello suggerisce che gli editori possono esplorare flussi di entrate alternativi3, privilegiando la fedeltà dei lettori e il valore dei contenuti rispetto ai tradizionali paywall.

editoria sostenibilità finanziaria

Un altro esempio di espansione misurata e sostenibile è Le Monde in inglese. Le Monde come sappiamo è un quotidiano francese fondato da Hubert Beuve-Méry nel 1944 a Parigi; ha la particolarità di essere pubblicato nel primo pomeriggio con la data del giorno successivo. 

La sua versione digitale in lingua inglese è riuscita a bilanciare l’innovazione tecnologica con l’acume commerciale, sfruttando l’intelligenza artificiale per la traduzione e concentrandosi su un’espansione strategica del mercato, pur affidandosi a un piccolo team di giornalisti. Le Monde in inglese ha dimostrato l’importanza di adattarsi alle esigenze del pubblico globale, mantenendo saldi i valori giornalistici fondamentali. L’approccio mirato di Le Monde evidenzia infine l’efficacia di servire un pubblico di nicchia, garantendo un coinvolgimento e una fedeltà più profondi e una forma di editoria dalla sostenibilità finanziaria.

Cosa suggeriscono questi esempi per gli editori storici?

  • Strategia di audience focalizzata
    L’approccio mirato di Le Monde dimostra l’efficacia di servire un pubblico di nicchia, garantendo un coinvolgimento e una fedeltà più profondi. 
  • Modelli di monetizzazione alternativi
    Il successo de Il Post con gli abbonamenti volontari senza paywall evidenzia il potenziale dei flussi di entrate non tradizionali basati sulla fiducia e sul coinvolgimento dei lettori.
  • Uso strategico della tecnologia
    L’integrazione dell’IA da parte di Le Monde per l’espansione del mercato sottolinea l’importanza di sfruttare la tecnologia per aumentare la portata senza compromettere la qualità.

Cosa evidenziano le storie di insuccesso di Artifact e The Messenger?

  • Mancanza di una chiara strategia di monetizzazione
    La chiusura di Artifact dimostra i rischi di dipendere esclusivamente dall’innovazione tecnologica senza una chiara strategia di monetizzazione.
  • Rischi di sovraespansione
    Le difficoltà finanziarie di The Messenger rivelano i pericoli di un’espansione rapida e di alti tassi di rendimento senza un modello di business sostenibile.
  • Necessità di una pianificazione finanziaria realistica
    Le esperienze di Artifact e The Messenger sottolineano l’importanza di allineare la pianificazione finanziaria con aspettative di mercato e potenzialità di guadagno realistiche.

Trovare l’equilibrio tra innovazione e sostenibilità finanziaria

I percorsi diversificati di piattaforme come Artifact, The Messenger, Semafor, Il Post e Le Monde offrono lezioni preziose per il settore delle notizie digitali. Le esperienze di Artifact e The Messenger evidenziano i rischi di dipendere esclusivamente dalla tecnologia e di un’espansione aggressiva senza una solida base finanziaria. Al contrario, l’attenzione de Il Post alla fiducia e l’uso strategico dell’IA da parte di Le Monde dimostrano il potenziale di strategie mirate e integrate con la tecnologia.

Questi casi di studio sottolineano un aspetto cruciale per gli editori: il successo sostenibile nell’era digitale richiede un approccio equilibrato, che combini la fornitura di contenuti innovativi con solide strategie editoriali di sostenibilità finanziaria e di coinvolgimento del pubblico. 

Solo attraverso una pianificazione attenta e una visione strategica a lungo termine è possibile navigare con successo l’oceano digitale delle notizie.

  1. https://www.wired.it/article/artifact-app-nuovo-social-network/ ↩︎
  2. https://www.nytimes.com/2024/01/02/business/media/the-messenger-news-layoffs.html ↩︎
  3. https://www.ilpost.it/2023/11/20/per-fare-il-post-2/ ↩︎
Foto di Obi – @pixel8propix su Unsplash
FONTE: What do digital news platforms need to reach financial sustainability? Insights for publishers
Related Posts