È morto Ennio Morricone, il padre delle colonne sonore mondiali Ne ha dato la notizia questa mattina su Twitter il caporedattore dell’ANSA Gianni Pettinelli.

Ennio Morricone allo Stadio Bicentenario in Florida - Gonzalo Tello

È morto in una clinica romana per le conseguenze di una caduta il premio Oscar Ennio Morricone. Il grande musicista e compositore, autore di musiche per più di 500 film e serie TV e delle colonne sonore più belle del cinema italiano e mondiale, aveva 91 anni. Qualche giorno fa si era rotto il femore.

Ne ha dato la notizia questa mattina su Twitter il caporedattore dell’ANSA Gianni Pettinelli.

Dal 1946 a oggi, Ennio Morricone compose più di 100 brani classici, ma ciò che ha dato la fama mondiale al Maestro come compositore, sono state le musiche prodotte per il genere del western all’italiana, che lo hanno portato a collaborare con registi come Sergio Leone, Duccio Tessari e Sergio Corbucci, con titoli come la Trilogia del dollaro, Una pistola per Ringo, La resa dei conti, Il grande silenzio, Il mercenario, Il mio nome è Nessuno e la Trilogia del tempo.

Nel 2007 Morricone ha ricevuto il premio Oscar alla carriera per i suoi contributi magnifici all’arte della musica da film dopo essere stato nominato per 5 volte tra il 1979 e il 2001 senza aver mai ricevuto il premio. Il 28 febbraio 2016, ottene il suo secondo Oscar per le partiture del film di Quentin Tarantino, The Hateful Eight, per la quale si è aggiudicato anche il Golden Globe.

Ennio Morricone ha vinto anche tre Grammy Awards, quattro Golden Globes, sei BAFTA, dieci David di Donatello, undici Nastri d’argento, due European Film Awards, un Leone d’Oro alla carriera e un Polar Music Prize.

Ha venduto più di 70 milioni di dischi.