Dopo 67 anni chiuderà Mad Magazine MAD Magazine proporrà contenuti originali fino al numero 10 e poi chiuderà il 2019 solo con ristampe di vecchi articoli e fumetti fino a poi chiudere definitivamente.

La rivista Mad Magazine chiuderà i battenti. Ai più nota solo come Mad è una famosa rivista umoristica periodica statunitense ideata da Harvey Kurtzman e William Gaines nel 1952 per la casa editrice EC Comics e successivamente acquisita dalla DC Comics.

A quanto emerso nelle ultime ore MAD non sarà più venduta in edicola e come confermato al The Hollywood Reporter, dovrebbero cessare le pubblicazioni di materiale inedito e dopo il numero 10, non ci saranno più nuovi contenuti se non per gli speciali di fine anno per poi chiudere definitivamente dopo 67 anni di edicola a fine 2019.

Si apprende inoltre come DC – pur non commentando questa notizia, sia comunque intenzionata a continuare la pubblicazione dei libri MAD e le collezioni speciali.

Mercoledì sera, i vignettisti di Mad David DeGrand ed Evan Dorkin hanno confermato su Twitter la notizia della chiusura della rivista, facendo seguito al tweet di Dan Telfer all’inizio di questa settimana in cui informava di essere stato licenziato come senior editor.


Mad Magazine è nota soprattutto per la satira e le parodie su tutti gli aspetti della vita e della cultura popolare, della politica, dell’intrattenimento e delle personalità pubbliche americane.

Famose sono le copertine nelle quali vengono proposte caricature di personaggi pubblici e politici americani come Barack Obama o Mark Zuckerberg insieme alla mascotte della rivista, Alfred E. Neuman, il cui volto identifica la rivista e che a sua volta è stato citato, parodiato e omaggiato in molti altri media e contesti.

Negli anni settanta ha raggiunto picchi di tirature di due milioni di copie, generando una pletora di imitatori e influenzando il panorama culturale americano del XX secolo. Ha superato i 500 numeri pubblicati regolarmente dal 1952, oltre a centinaia di ristampe in varie edizioni.

Ultimo aggiornamento 2019-11-15

Rispondi