Da Creative Suite a Creative Cloud, per sempre.

“I tuoi strumenti preferiti stanno per superare se stessi. Sono in arrivo gli strumenti CS di prossima generazione, queste saranno le applicazioni desktop Creative Cloud, tra cui Adobe Photoshop CC e Illustrator CC. Potrai avere accesso a centinaia di nuovissime funzionalità e mantenere sincronizzato tutto il tuo mondo creativo: file, valutazioni dei membri del team, font, impostazioni e aggiornamenti. E come sempre, le tue applicazioni si trovano sul desktop, non in un browser e tanto meno nel cloud.”
Con queste parole Adobe ha sancito ieri la fine di un epoca, quella delle suite e tracciando definitivamente il passaggio al Cloud di tutto il proprio mondo software.

La Creative Suite 6 non avrà un successore, diciamo quindi addio all’ipotesi di una settimana versione, così come a suoi futuri aggiornamenti: stop. Per decisione di Adobe, da giugno 2013 tutte le nuove applicazioni creative ruoteranno e avranno il loro habitat all’interno di Creative Cloud tramite una licenza di utilizzo di un servizio, notate bene “servizio” e non specifico software; ciò significa che i pagamenti saranno relativi ad una licenza limitata nel tempo, disponibile eventualmente sotto forma di abbonamento annuale o di multi-licenza per team e aziende e che permetterà di utilizzare tutti i programmi dell’offerta.

Sul cloud da giugno troveremo quindi: Photoshop CC, InDesign CC, Illustrator CC, Dreamweaver CC e Premiere Pro CC, così come ritroveremo col nuovo brand “CC” anche Flash Professional CC, InCopy CC, Prelude CC, SpeedGrade CC.

Ecco i video che mostrano i nuovi prodotti CC

Inoltre una serie denominata Edge Tool & Services comprenderà:

  • Edge Animate CC
  • Edge Inspect CC
  • Edge Web Fonts
  • PhoneGap Build
  • Edge Code CC
  • Edge Reflow CC
  • TypeKit

Durante la presentazione delle novità avvenuta al MAX, tra le soluzioni più in vista, Photoshop CC si è guadagnata il centro dell’attenzione, la nuova versione CC in parte svelata, ha mostrato le nuove modalità di accesso così come alcune nuove funzioni, tra cui il filtro nitidezza per far risaltare i dettagli delle immagini trasformando un’immagine a bassa risoluzione ad una in alta con pochi click.

Rispondi