Censurate le patatine di Rocco

Se ne sta facendo un gran parlare in questi giorni. Lo spot incriminato è quello in cui il noto attore, Rocco Siffredi pubblicizzava ironicamente le patatine di amica chips. L’istituto di autodisciplina pubblicitaria ha censurato, dopo segnalazione del Moige, lo spot in cui in uno stile “playboy” l’attore pubblicizzava il prodotto ironizzando ed alludendo al modo in cui la patatina la prendeva.

E’ noto a tutti, o meglio a chi conosce il lavoro di Siffredi, che il doppiosenso era proprio legato alla parola patatina ed appunto alla carriera di attore hard di Rocco.

L’IAP con decisione del 13 marzo ha imposto la cessazione dello spot ed il tempestivo blocco della campagna. Non sta a me giudicare ma una lancia a favore di Amica Chips mi sento di spezzarla; assodato che chi non conoscesse il “mestiere” del protagonista di sicuro l’allusione non l’avrebbe capita (mia madre uno dei tanti casi), come mai i signori del Moige si sono scagliati con tanta veemenza contro questo spot?

Forse non hanno mai visto i 30″ delle tette di Corporacion Dermoestetica mostrate di continuo ed a tutte le ore? Fatto sta che questa situazione sta ora creando non poche discussioni su giornali, blog e forum.

Chiudo dicendo: lo spot era bello, ben concepito e sicuramente divertente (quello radiofonico era uno spasso), signori e signore del moige tornate a fare un po’ meglio i genitori e meno i crociati.

aggiornamento

Un bello schiaffo morale al Moige giuge direttamente con la versione accorciata che Amica Chips sta mettendo in onda dopo la censura. Niente parole, solo l’attore che dopo il passaggio di due ragazza in reggicalze, mangia una patatina in silenzio. Geniale è dir poco!

Per vedere la versione integrale e quella nuova.

La Settimana Grafica

Iscriviti alla Settimana Grafica

Rimani aggiornato su tutto quello che accade nelle Arti Grafiche e nella comunicazione, iscriviti ora alla nostra newsletter settimanale.


ai sensi dell'art. 13 Reg. UE 2016/679 e acconsento al trattamento dei dati personali

Rispondi