Kerry Mansfield e il cancro al seno

Fotografare il percorso con un cancro alla mammella

Nella serie Aftermath, Kerry Mansfield, fotografa di San Francisco, ha documentato con coraggio il suo viaggio di due anni attraverso la diagnosi, il trattamento e la chirurgia ricostruttiva del cancro al seno.

LA SETTIMANA GRAFICA
ISCRIVITI ORA!

Alla Mansfield è stato diagnosticato un tumore all’età di 31 anni e ha subito appreso che le donne trentenni sono il gruppo di persone con il tumore al seno in più rapida crescita negli Stati Uniti. Sconvolta dall’idea di dover affrontare questa malattia inaspettata e spaventosa, Mansfield ha cercato informazioni su come sarebbe stato il suo futuro immediato e ha scoperto che la documentazione fotografica che cercava non esisteva. È stata questa assenza a ispirare la serie che sarebbe diventata Aftermath.

L’intenzione della Mansfield non era solo quella di aiutare se stessa a superare lo straziante viaggio, ma anche di creare una documentazione visiva diretta della sua esperienza, in modo che altri potessero capire meglio cosa significa combattere il cancro al seno.

ADVERTISING

L'ARTICOLO CONTINUA SOTTO

«È con questo spirito di fine sconosciuta che ho preso in mano la macchina fotografica per auto-documentare la catarsi del mio trattamento contro il cancro. Non c’era nessuno quando sono state scattate queste foto, solo la mia idea di sé in dissoluzione e una macchina fotografica. E quello che era iniziato come una storia che avrebbe potuto finire in molti modi, questo capitolo, come il mio trattamento, ha ormai fatto il suo corso…»

Related Posts
Diabolik e il segreto di Cadorna
Leggi di più

Diabolik e il segreto di Cadorna

Nel contesto urbano di Milano, un evento particolare sta per catturare l’attenzione di appassionati di fumetti, storici della…
Marcello Gandini
Leggi di più

È morto Marcello Gandini, uno dei più famosi car designer

Marcello Gandini, l'illustre designer di automobili, ci ha lasciati all'età di 85 anni, lasciando un'eredità di innovazioni nel design automobilistico italiano. Celebrato per le sue creazioni rivoluzionarie, tra cui la Lamborghini Miura e la Ferrari GT4, il suo talento ha ridefinito l'estetica e la funzionalità nel mondo delle auto di prestigio. Il Politecnico di Torino ha riconosciuto il suo contributo eccezionale al design conferendogli la laurea honoris causa il 12 gennaio, rendendo omaggio al suo impatto duraturo e alla sua visione avanguardistica.