Approposito di logotipi

Vista la chiusura estiva ci siamo persi delle chicche interessanti provenienti dal mondo della progettazione grafica: il nuovo logotipo di Compaq e la nuova immagine istituzionale Spagnola.

Vista la chiusura estiva ci siamo persi delle chicche interessanti provenienti dal mondo della progettazione grafica: il nuovo logotipo di Compaq e la nuova immagine istituzionale Spagnola.

Cominciando da Compaq, forse ben pochi si sono accorti della svolta “tech” che l’azienda satellite di HP ha voluto dare al proprio marchio in vista del lancio dei redivivi Compaq Presario.

Da tempo l’azienda giaceva in un limbo che la vedeva succube della casa madre HP che la acquisì anni fa, i prodotti Compaq sono stati commercializzati sempre con il proprio brand ma in pratica erano HP rimarchiati.

L’originale logotipo deriva da un progetto di Landor poi rivisto da Interbrand (come riporta “designerblog”:http://www.designerblog.it/post/1460/compaq-new-logo), mentre il nuovo è stato presentato a Shangai assieme ai nuovi prodotti portatili.
Esteticamente dettato da una svolta al tecnologico viene inoltre presentato anche come monogramma col solo utilizzo delle lettere CQ. Un segno distintivo che l’azienda vuole introdurre.

Venendo ora alla nuova immagine spagnola, non pochi problemi questa ha portato al proprio autore. L’accusa? è un plagio.

Dodicimila euro (12 mila) per la realizzazione della nuova immagine istituzionale Spagnola erano il premio per il designer vincitore del bando indetto dal governo Spagnolo, conclusosi con Juan Repullés come vincitore.
L’immagine presentata col benestare della giuria ha vinto il concorso, peccato che poi il mondo della comunicazione ed i “giornali”:http://www.elpais.com/articulo/espana/12000/euros/idea/poco/original/elpepuesp/20070815elpepinac_8/Tes si siano accorti di svariate analogie con l’immagine istituzionale della Germania.

Somiglianze le potremmo chiamare, di certo meglio di Italia.it molto criticato anche da noi, ma banale ad un occhio attento.
In questo caso è pure peggio: una banale copia.

A voi il giudizio

Related Posts