Apple ha presentato la sua "nuvola"

Apple nella serata (italiana) di ieri ha presentato iCloud, un set di nuovi servizi cloud gratuiti che funzionano perfettamente con le applicazioni dei propri iPhone, iPad, iPod touch, Mac o PC per archiviare in automatico e in wireless i contenuti in iCloud e, sempre in automatico e in wireless, trasmetterli a tutti i propri dispositivi.
Quando si apporta una modifica su uno dei dispositivi, tutti gli altri vengono aggiornati in wireless quasi all’istante.

“Oggi come oggi è complicato e a volte frustrante tenere tutte le informazioni e tutti i contenuti aggiornati su tutti i propri dispositivi,” ha dichiarato Steve Jobs, CEO di Apple. “iCloud tiene le informazioni e i contenuti più importanti sempre aggiornati su tutti i vostri dispositivi. Avviene tutto in automatico e in wireless, e dato che è un servizio integrato nelle nostre app, non dovrete neanche pensarci: funziona da solo, semplicemente.”

I servizi iCloud gratuiti includono:

  • I precedenti servizi MobileMe (Contatti, Calendario e Mail) – tutti interamente riprogettati e riscritti per funzionare perfettamente con iCloud. Gli utenti possono condividere calendari con parenti e amici, e l’account Mail push senza pubblicità è ospitato su me.com. La posta in arrivo e le altre caselle vengono aggiornate su tutti i dispositivi iOS e computer dell’utente.
  • App Store e iBookstore scaricano ora le app iOS e i libri acquistati su tutti i dispositivi dell’utente e non soltanto su quello con cui sono stati acquistati. Inoltre App Store e iBookstore consentono ora di vedere la cronologia degli acquisti, e toccando l’icona di iCloud si potranno scaricare app e libri su qualsiasi dispositivo iOS (fino a 10 dispositivi) senza costi aggiuntivi.
  • iCloud Backup esegue il backup automatico e sicuro dei dispositivi iOS su iCloud ogni giorno via Wi-Fi quando si ricarica l’iPhone, l’iPad o l’iPod touch. I contenuti salvati possono comprendere la musica, le app e i libri acquistati, le foto e i video nel Rullino, le impostazioni del dispositivo e i dati delle app. Se si cambia dispositivo iOS, basta inserire Apple ID e password durante la configurazione e iCloud ripristinerà il nuovo dispositivo.
  • iCloud Storage archivia in modo perfetto tutti i documenti creati usando le API iCloud Storage, e li trasferisce in automatico a tutti i dispositivi dell’utente. Quando si modifica un documento su qualsiasi dispositivo, iCloud applica automaticamente le modifiche a tutti gli altri. Le applicazioni Pages, Numbers e Keynote di Apple sfruttano già i vantaggi di iCloud Storage. Gli utenti hanno a disposizione fino a 5GB di spazio di archiviazione per posta, documenti e backup, uno spazio tanto più importante se si considera che l’archiviazione per musica, app e libri acquistati da Apple e l’archiviazione richiesta da Photo Stream non rientrano in questi 5GB totali. Gli utenti potranno inoltre comprare ulteriore spazio di archiviazione; maggiori informazioni saranno disponibili quando iCloud sarà disponibile in autunno.
  • L’innovativo servizio Photo Stream di iCloud carica in automatico le foto scattate o importate su un dispositivo e le trasferisce in wireless su tutti gli altri dispositivi e computer. Così si possono scattare decine di foto con l’iPhone durante una partita di calcio, e mostrarle agli amici la sera stessa direttamente dall’iPad (o persino dall’Apple TV) quando si torna a casa. Photo Stream è integrato nell’app Immagini su tutti i dispositivi iOS, in iPhoto sui Mac e nella cartella Immagini su PC. Per risparmiare spazio, solo le ultime 1000 foto vengono archiviate su ogni dispositivo, così le si può vedere o spostare in un album e conservarle in futuro. Mac e PC archivieranno tutte le foto da Photo Stream, poiché hanno uno spazio maggiore di archiviazione. iCloud archivierà ciascuna foto nella nuvola per 30 giorni, un tempo sufficiente per collegare i propri dispositivi a iCloud e scaricare in automatico gli ultimi scatti da Photo Stream via Wi-Fi.
  • iTunes in the Cloud consente di scaricare la musica precedentemente acquistata in iTunes su tutti i propri dispositivi iOS senza alcun costo aggiuntivo, mentre i nuovi acquisti possono essere scaricati in automatico su tutti i dispositivi. Inoltre la musica non acquistata da iTunes può usufruire degli stessi vantaggi grazie a iTunes Match, un servizio che sostituisce la musica degli utenti con una versione AAC DRM-free a 256kbps laddove sia possibile abbinarla agli oltre 18 milioni di brani nell’iTunes Store: la musica così abbinata è disponibile in pochi minuti (rispetto alle settimane necessarie per caricare un’intera libreria musicale), e carica solo la piccola percentuale di musica rimasta senza equivalente. iTunes Match sarà disponibile in autunno a un costo annuale di $24.99. Apple mette a disposizione sin d’ora una versione beta gratuita di iTunes in the Cloud, senza iTunes Match, per utenti iPhone, iPad e iPod touch con iOS 4.3. iTunes in the Cloud supporterà tutti gli iPhone supportati da iOS 5, disponibile in autunno.

Apple è pronta a lanciare iCloud sui suoi tre data center, incluso il terzo recentemente completato a Maiden, Carolina del Nord. Apple ha investito oltre 500 milioni di dollari nel data center di Maiden per rispondere al meglio alla domanda prevista di servizi iCloud gratuiti.

La versione beta di iCloud e le API Cloud Storage sono disponibili immediatamente per i membri del Programma Sviluppatori iOS e Mac all’indirizzo developer.apple.com. iCloud sarà disponibile in autunno in concomitanza con iOS 5.
Gli utenti potranno iscriversi gratuitamente a iCloud con un Apple ID valido da qualsiasi iPhone, iPad o iPod touch con iOS 5 e da qualsiasi Mac con Mac OS X Lion. iCloud include 5GB di spazio di archiviazione cloud gratuito per e-mail, documenti e backup. La musica, le app e i libri acquistati, oltre a Photo Stream, non rientrano in questo limite di archiviazione. iTunes Match sarà disponibile a $24.99 l’anno (solo negli Stati Uniti).

Rispondi