I 7 trend che impatteranno sulla comunicazione del 2022

Le 7 tendenze nella comunicazione del 2022

Secondo uno studio elaborato dal centro studi UNA, saranno 7 le tendenze nella comunicazione che influenzeranno sul 2022 nel mondo della comunicazione, partendo dall’impatto generato dalla pandemia sui comportamenti delle persone – che andranno a coinvolgere l’intero comparto della comunicazione commerciale.

1) I consumatori reclamano il controllo del proprio stile di vita

Il consumatore post-lockdown sta ricalibrando il proprio stile di vita: da un lato la richiesta che più della metà dei nuovi servizi dell’era pandemica diventino la nuova normalità, dall’altro la spinta ad osare un cambiamento significativo del proprio stile di vita prendendo maggiore controllo delle proprie scelte e azioni. Questo si traduce in un investimento sempre maggiore nella qualità della casa e nel tempo che vi si trascorre; in una maggiore attenzione al proprio impatto sociale attraverso le scelte di consumo e in una crescente preoccupazione per la propria salute fisica e mentale, cui i brand possono rispondere offrendo semplificazione e comunicando positivamente.

Il desiderio di sentirsi più in controllo da parte delle persone a seguito della prolungata situazione di incertezza e dell’imperante confusione informativa chiama i brand ad una risposta caratterizzata da maggior chiarezza e trasparenza, un aiuto per trovare velocemente le informazioni necessarie a prendere decisioni ponderate e per poter misurare l’efficacia di un prodotto rispetto a quanto promette.

2) Focus locale: il miglioramento parte da vicino

Il ruolo della propria comunità locale come ingrediente di resilienza personale, il senso di appartenenza e la crescente fiducia delle persone nei leader locali rispetto ai CEO o ai politici hanno conosciuto un’accelerazione con la pandemia. Una consapevolezza crescente in questi termini che spinge tutte quelle attività che danno modo alle persone di partecipare al miglioramento della propria realtà locale, sostenendo business e relazioni. Un atteggiamento che on-line si traduce in una predilezione da parte dei consumatori per i negozi diretti e non intermediati e per una scelta crescente a favore della verticalità, rispetto ai generalisti) nelle tendenze nella comunicazione.

3) Connessioni umane al centro: fisiche o digitali

La privazione forzata dei contatti umani in tempo di pandemia sta già provocando un cambio di rotta: le human connection sono la necessità primaria delle persone che i brand possono intercettare offrendo nuove opportunità per favorire tanto l’interazione fisica quanto il contatto altrimenti impossibile nel metaverso, sfruttando la tecnologia.

Piattaforme come Roblox e Fortnite sono diventate nuove frontiere sociali per le persone in modo trasversale alle generazioni: non solo videogiochi ma spazi da abitare con gli amici e in cui venire in contatto con i brand sfruttando un’esperienza totalmente immersiva. E se creare nuovi spazi virtuali da zero non è propriamente economico, le possibilità includono collaborazioni, digital merchandising, NFT, etc.

4) L’esperienza di acquisto diffusa per le tendenze nella comunicazione

Con la pandemia, i brand sono stati costretti ad accelerare le loro trasformazioni commerciali per poter dialogare efficacemente con i clienti relegati ad un comportamento esclusivamente digitale: dai canali proprietari ai marketplace fino alle piattaforme social. Per essere competitive, le aziende daranno la priorità̀ alla customer experience del commercio omnichannel e i CMO dovranno assicurarsi che il brand assicuri una interconnessione dell’esperienza di acquisto, indipendentemente da dove questa avvenga.

5) Sostenibilità inclusa nel prezzo

La sostenibilità non è più una tendenza, è diventata mainstream. Ciò che cambia è il tenore delle aspettative da parte delle persone nei confronti dei brand: sempre più critici ed esigenti, i consumatori chiederanno di poter partecipare in modo fattivo alle iniziative della marca per potere – attraverso un contributo diretto – essere loro a compensare il proprio impatto. Per un maggior benessere, anche mentale.

6) Il brand purpose alla prova dei fatti

Anche il “purpose” non è più un’opzione. Se già molte aziende hanno fatto sentire la propria voce e si sono schierate su temi controversi, le persone ora chiedono ora di vedere progressi misurabili sui grandi obiettivi che le marche si sono date.

7) Il valore della privacy

Cade il velo della gratuità: come conciliare il desiderio di informazioni e servizi apparentemente gratuiti con la crescente consapevolezza di mettersi alla mercé del grande fratello? Sempre più consapevoli di questa meccanica ‘do ut des’ che espone la propria privacy, le persone diventeranno sempre più attente ed esigenti nei confronti del gratuito-al-prezzo-dei-propri-dati. La digital privacy gioca un ruolo cruciale nella costruzione della fiducia in un brand e può rappresentare un’opportunità dal punto di vista comunicativo. Come in una relazione personale, gli individui sono più ingaggiati e propensi a spendere il proprio tempo e le proprie informazioni con chi ritengono più responsabile ed eticamente corretto.

4 le aree di best practice per la gestione dei dati individuate:

  • Privacy by Design: inserire la protezione dei dati nella strategia del disegno di nuovi business e prodotti sin dal principio
  • Data Control: raccogliere unicamente i dati realmente necessari all’erogazione del servizio e fornire sempre alle persone facile accesso al controllo dei dati condivisi
  • Privacy by Default: assumere la non condivisione dei dati come opzione di default lasciando alle persone la scelta di quali dati condividere.
  • Accountability and Transparency: essere cristallini circa l’uso, la condivisione e lo storage dei dati: la pubblicazione del data flow può essere molto più immediata ed esplicita di una verbosa policy.

Il report completo, comprensivo di case history, è scaricabile qui.

Photo by Jason Goodman on Unsplash


AmazonCommercial - Mascherine FFP2 certificate CE, filtraggio al 94% (confezione da 10)
  • Con certificazione CE da parte di un organismo notificato UE (numero 0099) che garantisce il rispetto degli standard europei di salute, sicurezza e protezione ambientale; confezionate in modo igienico per ulteriore sicurezza
  • Testate e approvate secondo gli standard FFP2 con un efficiente tasso di filtraggio superiore al 94%, intrappolano le particelle di dimensioni inferiori a 0,1 micron, inclusi i patogeni batterici
  • Design ad alta resistenza alla polvere, ideali da utilizzare a casa, al lavoro o all’esterno, proteggono da nebbia, foschia, tubi di scappamento delle auto, fumo passivo e altro
  • Realizzate con materiali di prima qualità, inclusi elastici delicati che non sfregano né irritano, possono essere facilmente appese al collo quando non si utilizzano. Create tenendo bene a mente sia la protezione che il comfort, grazie alla forma sagomata riducono la pressione sul viso
  • Il materiale morbido ed elastico intorno ai bordi delle mascherine aderisce al viso per impedire l’entrata di polvere, mentre i filtri stratificati in cotone ti permettono di respirare normalmente anche in ambienti caldi e umidi

Related Posts